IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Targa per Giuseppina Ghersi, il Comune di Noli conferma: “Si farà, ma nessuna valenza politica”

Il sindaco Niccoli ha ribadito: "Vogliamo solo ricordare una bambina vittima degli adulti e della guerra"

Noli. “Ribadisco ancora una volta quanto ho già detto nei giorni scorsi: il nostro gesto non ha alcuna valenza politica. Anzi, la escludo categoricamente. Noi vogliamo soltanto ricordare una bambina vittima degli adulti e della guerra”. E’ netto, il sindaco di Noli Giuseppe Niccoli, nello spiegare le motivazioni che porteranno, sabato prossimo, ad intitolare una targa a Giuseppina Ghersi, la 13enne uccisa dai partigiani al termine della seconda guerra mondiale.

Un annuncio che ha scatenato un polverone assolutamente inatteso per il Comune di Noli: l’opposizione dell’Anpi locale ha dato vita ad una polemica a livello nazionale. Ora il tentativo del sindaco è quello di riportare tutto nel solco originariamente previsto, ossia quello di un’iniziativa “volta – spiega – a riappacificare, e non a dividere. Anzi nei prossimi giorni, insieme al sindaco di Stazzema Maurizio Verona (che a sua volta ha deciso di onorare la memoria della Ghersi, ndr), cercheremo di eliminare ogni cosa che possa dare adito a strumentalizzazioni, da una parte e dall’altra”.

Questa mattina, nel corso della conferenza stampa in Comune a Noli, Niccoli ha ribadito ulteriormente il concetto con un aneddoto: “Abbiamo ricevuto molte lettere da tutta Italia su questa vicenda. Poco fa ne ho aperta una di una signora di Trieste, conteneva 10 euro per acquistare un fiore da mettere sulla tomba della bambina. Ecco, questa lettera spiega e riassume tutto: quello che noi vogliamo fare è un atto di amore nei confronti di una bambina, che in quanto tale è stata solamente vittima degli adulti e della guerra”. Una posizione che però non ha convinto i vertici locali dell’Anpi: “Non crediamo – si limita a commentare Samuele Rago – alla volontà di riappacificazione di Niccoli”.

Alla conferenza stampa ha preso parte anche il consigliere regionale Angelo Vaccarezza. “Molte parole sono state spese in questi giorni sulla vicenda, alcune utili, altre decisamente meno – ha detto – Io so quali sono i motivi che mi hanno spinto a esserci oggi, come so bene quali sono quelli che mi hanno spinto a esserci sempre, quando nessuno sapeva chi lei fosse e quando quelli che lo sapevano ritenevano sconveniente o poco utile esserci. Il ricordo di una bambina vittima innocente della barbarie umana merita rispetto, non sterili inutili polemiche assolutamente pretestuali; vorrei che questo fosse il messaggio di oggi. Sabato 30 settembre, presenti alla manifestazione saranno il rispetto per la sua memoria, il ricordo perché questa follia non abbia mai più a ripetersi. E la preghiera, per tutte le vittime innocenti della barbarie omicida di ogni tempo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.