IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Laigueglia pensa alla microtassa per sostenere le attività legate al mare

Confronto con gli operatori commerciali e turistici del borgo marinaro

Laigueglia. No alla tassa di soggiorno, sì ad una microtassa per sostenere le attività legate al mare. Il Comune di Laigueglia apre una strada completamente nuova, ma chiede un confronto con gli operatori commerciali e turistici del borgo marinaro per arrivare ad un obiettivo condiviso. Per questa ragione, al più presto, sarà convocato un tavolo allargato a tutte le associazioni di categoria per discutere insieme quale strategia migliore adottare. Questo anche perché dal 2018 tutto potrebbe cambiare.

L’imposta si inserirebbe in un patto condiviso su scala regionale, o almeno per aree omogenee e, soprattutto, l’incasso così ottenuto dai singoli Comuni sarebbe reinvestito al 60 per cento per la promozione, la comunicazione e il marketing turistico, e al 40 per cento per il decoro urbano e gli eventi, a versarla sarebbero gli avventori delle attività turistico ricettive in particolare i fruitori degli alberghi.

L’amministrazione propone, invece, di “dirottare” il contributo turistico per interventi indirizzati alla primaria risorsa della cittadina e determinante motivazione turistica: il mare e gli arenili. “Laigueglia infatti – viene ricordato dal Comune – ha una forte vocazione marinara ed ha già investito risorse economiche in questo senso. Basti pensare alle ultime: campo boe, alla scuola di pesca, alle attività dedicate allo snorkeling che hanno fatto confermare la cittadina uno dei Borghi più belli d’Italia”.

Ecco allora che viene lanciata la proposta di destinare gli incassi determinati dall’introduzione dell’imposta: applicando una “microtassa turistica sull’ombrellone o sull’accesso in spiaggia” (ad esclusione dei cittadini residenti nel borgo) da reinvestire poi non solo nelle attività legate al mare ma anche in interventi strutturali sugli arenili che possano migliorare la qualità dei lidi cittadini.

“Si tratta ovviamente di una proposta che dovrà essere valutata e studiata nel dettaglio in uno dei tavoli tecnici allargati di fine estate insieme alle associazioni economiche che operano sul territorio laiguegliese. Senza dubbio presenta alcuni aspetti migliorativi rispetto alla paventata tassa si soggiorno sugli alberghi in quanto sarebbe equamente divisa su tutta l’utenza turistica, sarebbe inferiore l’importo pro capite, non colpirebbe l’utenza invernale del borgo e perché non potrebbe avere anche una ripercussione sull’impatto con la Bolkestein in merito alla tutela in essere della concessioni”, spiega l’amministrazione comunale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.