IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incendio di Magliolo, il Comune di Tovo ringrazia i volontari: “Danni contenuti grazie al vostro intervento” fotogallery

Il delegato alla protezione civile per i Comuni della Val Maremola: "Stiamo lavorando a progetto di riqualificazione dell'invaso di Gaiado"

Tovo San Giacomo. “Vogliamo ringraziare i volontari della sezione antincendio di Tovo San Giacomo, quella di Finale Ligure, tutti i volontari delle protezioni civili locali e le squadre dei Vigili del fuoco che fra domenica e lunedì scorsi hanno partecipato alle operazioni di spegnimento dell’incendio in località Canova a Magliolo”. Il ringraziamento pubblico arriva dall’amministrazione comunale di Tovo, a pochi giorni di distanza dal rogo che per due giorni ha devastato i boschi di Magliolo.

Incendio a Magliolo

“La nostra valle, dopo tanto tempo, è stata interessata da un brutto e vasto incendio – dichiara Luciano Cesio, delegato alla Protezione Civile anche per l’Unione dei Comuni della Val Maremola – Grazie al tempestivo intervento di tanti volontari e dei Vigili del Fuoco è stato possibile contenere i danni e procedere alla bonifica. Purtroppo la siccità ed il clima secco che da mesi stanno martoriando la nostra Regione creano i presupposti per l’innesco di incendi, spesso causati da negligenza o peggio da dolo”.

“Ringrazio – prosegue Cesio – anche i privati che hanno messo a disposizione degli elicotteri le proprie vasche irrigue. Purtroppo, come già comunicato con posta certificata in data 21 agosto alla Prefettura, al Comando di Vigili del Fuoco ed all’AIB di Finale Ligure, l’invaso di Gaiado, a causa del perdurare della siccità cha ne ha limitato la portata e ad alcune problematiche tecniche, risulta non utilizzabile”.

“A tale proposito, stiamo collaborando con il Comune di Magliolo con il quale condividiamo l’acquedotto irriguo: sarà infatti oggetto di una prossima convenzione fra i due Enti la realizzazione di un progetto di riqualificazione dell’infrastruttura da finanziare con i fondi del Piano di Sviluppo Rurale” conclude Cesio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.