L'intervento

Area canina in arrivo a Ceriale, Enpa: “Buon segno, ma non basta”

L'associazione animalista continua a chiedere la revoca dell'ordinanza che vieta ai cani l'ingresso nelle aree verdi sul lungomare

cane area canina

Ceriale. “Il comune di Ceriale predispone finalmente la realizzazione di un’area canina: è un buon segno, ma non basta”. E’ questo il commento della Protezione Animali Savonese che torna però a puntare il dito contro l’ordinanza del sindaco: “La costruzione dell’area arriva dopo una lunghissima attesa da parte dei cittadini con cane e dell’Enpa ma, a parte che per ora si tratta solo di una promessa, non calma il disagio e la protesta per l’emissione della recente ordinanza che vieta tassativamente l’accesso ai cani ‘nelle aree verdi sulla passeggiata a mare'”.

“Enpa e cinofili continuano a chiederne con forza il ritiro. E’ infatti solo uno strumento punitivo verso i proprietari corretti e servirà solo a multare qualche turista ignaro che verrà sorpreso a passeggiare di giorno anche se con paletta e sacchetto, mentre i veri maleducati che non raccolgono le deiezioni del proprio cane, che ci vanno a tarda sera o di notte in assenza di vigilanza, la faranno come sempre franca” proseguono dall’associazione animalista.

“A differenza di diversi altri comuni illuminati della riviera, con questa ordinanza si penalizza il turismo animalista (turisti con cane al seguito) che ha sempre maggiore influenza sull’economia locale; e che ha fatto scivolare Ceriale agli ultimi posti della graduatoria provinciale dei comuni animal-friendly” concludono dall’Enpa Savona.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.