Ammanchi nelle casse del Comune di Calice: pm chiede 4 condanne - IVG.it
Verso la sentenza

Ammanchi nelle casse del Comune di Calice: pm chiede 4 condanne

Nei guai sono finiti gli ex direttori della Carisa di Calice, il revisore dei conti del Comune e un fornitore dell'ente

tribunale

Tovo/Calice. Sono quattro le richieste di condanna avanzate dal pm Ubaldo Pelosi nell’ambito del processo relativo alla vicenda degli ammanchi nelle casse del Comune di Calice Ligure che vede a giudizio due direttori di banca, il titolare di un’impresa e un revisore dei conti.

L’inchiesta aveva preso le mosse dalla tragedia del ragioniere Paolo Bolia, funzionario e gestore della contabilità dell’amministrazione comunale, che nell’aprile del 2014 si era tolto la vita. Le indagini sulla morte di Bolia avevano permesso di scoprire che dalle casse del Comune di Calice, tra il 2003 e il 2014, erano spariti circa 2 milioni di euro, un ammanco che per il pm Ubaldo Pelosi era imputabile proprio al ragioniere morto suicida che, anno dopo anno, si sarebbe appropriato del denaro pubblico.

Bolia non avrebbe però agito da solo, ma secondo la Procura il suo comportamento sarebbe stato favorito appunto anche da alcuni professionisti e fornitori che lavoravano in collaborazione con l’ente comunale. Si tratta delle persone per le quali il pm ha chiesto una condanna: Francesco Gaglianone (avvocato Luca Barbero), direttore dal 2009 al 2014 della filiale di Calice della Cassa di Risparmio di Savona, il suo predecessore Alessandro Podestà (avvocato Roberta Ramelli), direttore dal 2006 al 2009, Marco Guiot (avvocati Mariangela Piccone e Paola Devincenzi), commercialista e revisore dei conti per il Comune di Calice, e Domenico Miele (avvocato Giovanni Parascosso), rappresentante di un’azienda editoriale.

Per loro le accuse, in concorso e a vario titolo, sono di peculato, falso e corruzione. In particolare i due direttori della filiale Carisa, che svolgeva servizio di tesoreria per il Comune, avrebbero erogato denaro dell’ente (anche contante) a Bolia davanti a mandati di pagamento falsi oppure irregolari. Per quanto il commercialista Guiot l’accusa, di fatto, è di non essersi accorto delle irregolarità commesse da Bolia nella gestione della contabilità e di aver quindi attestato la regolarità dei documenti contabili (mandati di pagamento compresi).

Infine per Miele, fornitore del Comune, l’accusa è di falso e corruzione perché, secondo l’accusa, avrebbe avvallato la compilazione da parte del ragioniere di mandati di pagamento irregolari con importi superiori a quelli reali o interamente falsi in riferimento ai loro lavori (per Miele, tra gennaio 2012 e marzo 2014, l’importo figurato è di 22 mila euro a fronte di prestazioni reali per 3 mila euro). Documenti grazie ai quali Bolia sarebbe riuscito a farsi consegnare in banca i soldi in contante prelevati dalle casse del Comune.

Secondo gli accertamenti contabili effettuati per conto della Procura sarebbero migliaia i mandati di pagamento irregolari (o perché privi di pezza giustificativi o perché accompagnati da un’autorizzazione irregolare o poco pertinente).

Il pm ha chiesto quattro e sei mesi di reclusione per Gaglianone, tre anni e due mesi per Podestà, un anno per Guiot e tre anni per Miele. La sentenza è attesa per il prossimo ottobre quando, dopo le eventuali repliche, il collegio del tribunale renderà note le sue decisioni.

leggi anche
Paolo Bolia
Cronaca
Suicidio Paolo Bolia, il ragioniere era indagato per ammanchi nei conti dei Comuni
Paolo Bolia
Cronaca
Si lascia cadere nel vuoto da un ponte a Triora: la vittima è il ragionier Paolo Bolia
Tribunale Savona
Altre news
Caso Bolia, indagati anche due direttori di banca. E i Comuni si attivano legalmente
calice ligure
Politica
Calice, Consiglio comunale sul “Caso Bolia”: spariti 540 mila euro
comune tovo san giacomo
Domande senza risposta
Caso Bolia, ammanchi a Tovo San Giacomo. Minoranza: “Omertà della giunta Oddo”
Municipio Comune Calice LIgure
Risarcimento
Ammanchi nelle casse del Comune, il sindaco Comi: “La comunità di Calice rivuole i suoi 2 mln euro”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.