IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Traffico da bollino nero per l’esodo di Ferragosto: in Liguria benzina e gasolio più care d’Italia

Ecco lo studio per chi desidera risparmiare prima di mettersi in viaggio

Più informazioni su

Liguria. Il lungo weekend di Ferragosto è alle porte e saranno molti gli italiani a mettersi in auto per qualche giorno di vacanza. Molti sono attesi nel ponente savonese e nella riviera ligure: per questo per venerdì è previsto traffico da bollino nero sull’A10 e le autostrade liguri per l’esodo ferragostano.

Si prevede traffico molto intenso dal mattino di venerdì fino al mattino di sabato, in particolare nel tratto tra Savona e Andora, nelle direttrici delle località balneari.

E in vista delle partenze, Cuponation, piattaforma internazionale di risparmio, ha realizzato uno studio per confrontare i prezzi dei carburanti lungo la penisola e fornire qualche accorgimento per risparmiare: la Liguria è la regione più costosa per benzina e gasolio, l’Abruzzo la più economica; in base alla regione in cui ci si rifornisce, si può risparmiare fino a 7,10 € su un pieno di benzina.

Se i prezzi dei carburanti sono di poco incrementati rispetto all’estate 2016 (un pieno di benzina o gasolio costa poco meno di 2 euro in più oggi rispetto allo scorso anno, secondo i dati di giugno dei due anni, forniti dal Ministero dello Sviluppo Economico), le differenze tra regioni possono essere consistenti su un pieno di carburante.

Secondo gli ultimi dati disponibili la Liguria risulta la regione più cara con prezzi medi di 1,6 € al litro per la benzina e 1,409 € al litro per il gasolio. Per coloro che si metteranno in viaggio nel Nord Italia, meglio allora fare rifornimento in anticipo, risparmiando, se si proviene dalle vicine Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte o Toscana, rispettivamente 6,80, 6,00, 4,50 o 5,35 €, su un pieno (50 litri) di benzina.

Le regioni del Nord-Est presentano prezzi medi piuttosto interessanti per quanto riguarda la benzina, ben al di sotto delle medie nazionali, a eccezione del Trentino Alto Adige, seconda solo alla Liguria quanto a prezzi elevati per entrambi i tipi di carburanti, e del Friuli per quanto riguarda il Gasolio.

Sia per quanto riguarda la benzina, che per quanto riguarda il gasolio, le regioni del Sud e le Isole maggiori (Sicilia e Sardegna) si dimostrano in media piuttosto care per gli automobilisti che vogliono fare rifornimento, a eccezione di Campania e Puglia che si collocano al di sotto dei prezzi medi. Campania particolarmente conveniente per il gasolio, con prezzo medio di 1,316 €/litro, seconda solo all’Abruzzo quanto a regione più economica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.