Richieste di mobilità, Simonetti contro Frascherelli: "In Comune regna il caos" - IVG.it
Minoranza furiosa

Richieste di mobilità, Simonetti contro Frascherelli: “In Comune regna il caos”

Il consigliere comunale si rivolge al Pd: "Intervenite per capire il malessere dei dipendenti e arrestarne l'esodo"

Finale Ligure. La minoranza consiliare finalese continua ad andare all’attacco della Giunta Frascherelli sulla vicenda delle richieste di mobilità da parte di alcuni dipendenti comunali. Dopo il Movimento 5 Stelle, anche il consigliere di PerFinale Simona Simonetti è intervenuta: “Finale Ligure purtroppo è in mano ad un Sindaco che ama mostrarsi in pubblico con la fascia Tricolore, tagliare nastri, assegnare premi e targhe, sorridere ai fotografi e vantarsi su Facebook di qualunque successo dei finalesi, anche di quelli in cui il suo contributo è stato nullo. Ma non riesce a svolgere il suo ruolo fondamentale: amministrare e gestire la città, la macchina comunale ed il suo personale”.

“La notizia della richiesta di traserimento di molti dipendenti è estremamente grave perchè in un’azienda di servizi come il Comune il vero patrimonio sono le persone con il loro bagaglio di competenze e di esperienza. I lavoratori comunali detengono la memoria storica indispensabile per affrontare e risolvere con efficacia ed efficienza qualsiasi questione. Le aziende private, ben conscie della perdita di conoscenze (know-how) consenguente alle dimissioni di dipendenti preparati, si sono tutelate prevedendo un periodo di preavviso (proporzionale al livello di esperienza) per il passaggio di consegne e salate sanzioni pecuniarie per il mancato preavviso” osserva Simonetti.

“Il Sindaco di Finale Ligure Ugo Frascherelli non ha minimamente coscienza del problema, infatti ha dichiarato di non vederne e ha concluso: ‘abbiamo in programma anche nuovi arrivi per sostituire il personale in uscita’. Una frase insolente nei confronti dei dipendenti che dileggia il malessere diffuso che ha causato questo abbandono di massa e non coglie il nocciolo del problema ossia la perdita di professionalità. Nel 2007 il RINA – organismo indipendente che certifica la qualità ambientale del Comune – scriveva nel suo rapporto che ‘il Punto di forza del Comune è il Coinvolgimento del Personale’. Dieci anni dopo nel 2017 il RINA ha stilato un rapporto durissimo proprio sul coinvolgimento dei dipendenti sfociato in tre non conformità in cui si sottolinea tra l’altro che ‘Non per tutte le funzioni risulta esserci adeguata evidenza dei ruoli e delle responsabilità al fine di garantire la piena conformità ai requisiti previsti dal Sistema di Gestione ambientale’. Al di là del linguaggio formale del verbale del RINA esso attesta come Finale sia un Comune allo sbando senza una guida in cui i certificatori non sono riusciti ad ‘auditare’ (cioè incontrare) i responsabili dei settori perchè in ferie o non definiti nel pasticcio del passaggio all’unione dei comuni. In altre parole nel verbale del RINA è descritto un ente in cui non si sa chi deve fare cosa: un Comune dove regna il caos. La logica conseguenza è che i dipendenti vogliano andarsene” prosegue il consigliere di minoranza.

“Voglio rivolgere un appello al Partito Democratico che sostiene questa amministrazione e che, per la sua storia e la conoscenza della macchina amministrativa, non può sottovalutare il problema. Intervenite per capire il malessere dei dipendenti ed arrestarne l’esodo.
Per amministrare occorre riportare armonia all’interno del Comune: nessun generale ha mai vinto la guerra senza il rispetto della sua truppa. I sindaci passano ma il Comune e i dipendenti restano. La perdita dei finanziamenti del Sivori o lo scempio dei boschi di San Bernardino non saranno il peggior lascito dell’amministrazione Frascherelli. Finale pagherà un prezzo molto più alto per la demolizione sistematica della macchina Comunale. Per il bene della collettività e per il futuro di questa città, occorre un intervento profondo per ridare slancio all’organizzazione del Comune” conclude Simonetti.

leggi anche
  • Parole durissime
    Richieste di mobilità dei dipendenti comunali: il Movimento 5 Stelle finalese all’attacco
  • Nuove tensioni?
    Nuovo “terremoto” in Comune a Finale, raffica di richieste di mobilità
  • Commento
    Richieste di mobilità in Comune a Finale, Lega all’attacco: “Amministrazione allo sbando”
  • Precisazione
    Richieste di mobilità in Comune a Finale, il sindaco Frascherelli: “Normali avvicendamenti, nessun caso”
  • Dialogo
    Richieste di mobilità in Comune a Finale, sindacati: “Trattativa per tutelare il personale”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.