IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Migranti in arrivo ad Albenga, la rabbia degli abitanti: graffiti sull’asfalto e una “assemblea popolare” ad Antognano

Gli abitanti questa mattina si riuniranno tra loro per discutere della questione e decidere il da farsi

Albenga. Una freccia, la scritta “Profughi e grigliatore” e sotto, dopo tre puntini di sospensione, un termine inequivocabile che, secondo gli autori, dovrebbe valere sia per gli uni che per gli altri. E’ questa la scritta che stanotte è apparsa sul pavimento di viale Che Guevara ad Albenga, nei pressi dell’immobile di proprietà di un privato in cui nei prossimi giorni dovrebbe trovare accoglienza una decina di richiedenti asilo.

Come era prevedibile, la notizia dell’imminente arrivo dei profughi ha scatenato la rabbia degli abitanti di Regione Antognano, i quali questa mattina si riuniranno tra loro per discutere della questione e decidere il da farsi. La zona, tra l’altro, è la stessa in cui dovrebbe essere realizzato il nuovo grigliatore per il trattamento dei reflui fognari.

Il consigliere di minoranza di Forza Italia, Eraldo Ciangherotti, commenta così la scritta apparsa stanotte sul pavimento di viale Che Guevara: “Quando la scellerata politica dell’accoglienza per fini economici scade nei toni e genera questo diffuso malumore incontrollabile che mina l’equilibrio sociale già precario”.

Trattandosi di un rapporto diretto tra privato e prefettura (seppure mediato da una cooperativa) il Comune di Albenga ben poco può dire o fare per fermare l’operazione. Il sindaco Cangiano, però, ci tiene a ribadire la propria contrarietà: “Come ho già avuto modo di evidenziare in prefettura, la questione migranti è un’emergenza internazionale molto complicata da gestire e che richiede una soluzione immediata. Tuttavia, Albenga si trova a fare i conti con un contesto molto particolare: la nostra città certamente è in grado di accogliere migranti, ma sul nostro territorio c’è già un alto numero di extracomunitari irregolari. Certamente tali stranieri non hanno nulla a che fare con i migranti che potrebbero arrivare, ma queste presenze rappresentano un carico molto pesante da gestire sotto l’aspetto dell’ordine pubblico e altre situazioni che dobbiamo cercare di controllare”.

Insomma, l’amministrazione ingauna è contraria all’arrivo di “richiedenti asilo” sul territorio cittadino: “Gli accordi tra privato e coop e prefettura sfuggono al controllo del Comune – sottolinea ancora Cangiano – Dal canto nostro, vigileremo sul rispetto dei criteri urbanistici e di agibilità dell’immobile che accoglierà i migranti per capire se questa ospitalità potrà essere garantita o meno. Non tutti gli immobili sono adatti”.

Non è detto, comunque, che i profughi arrivino davvero: “Come detto, per ora non c’è nulla di ufficiale. Ma voglio ribadire ancora la mia contrarietà all’ipotesi. Albenga fa i conti con difficoltà e situazioni piuttosto pesanti per le quali merita grande attenzione. Noi stiamo cercando di affrontare ogni problema con grande responsabilità e fermezza al fine di garantire la sicurezza dei nostri concittadini. Certamente sono due questioni differenti, ma sommate possono creare non poche complicazioni. Appena possibile contatterò il prefetto e ribadirò questa nostra posizione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.