IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sporcizia e incuria alla stazione di Savona: “E’ uno schifo e Trenitalia non interviene” foto

Murales, urina e feci canine, oltre a tabelloni e bacheche divelte...

Savona. Torna la preoccupazione e la protesta per la delicata situazione della stazione ferroviaria di Savona e non mancano le segnalazioni da parte dei nostri lettori sul degrado e la sporcizia, non certo un bel biglietto da visita per la città della Torretta.

E da più parti tornano gli inviti e gli appelli a Trenitalia per interventi di pulizia e restyling della stazione savonese, in particolare nelle zone più abbandonate e ripristinando alcune strutture danneggiate.

“La stazione di Savona versa nella più totale incuria, con bacheche divelte, murales e anche escrementi canini, ma Trenitalia risponde di non avere riscontri in merito ad un contesto di abbandono…” dice un nostro lettore, pendolare e frequentatore assiduo della stazione savonese per motivi di lavoro.

“Il totale degrado regna nella stazione di Savona e in special modo la parte del sottopasso ormai ricoperto di murales, urina e feci canine. I tabelloni degli orari sono stati divelti e lo schermo per gli arrivi dei treni è rotto da mesi! E’ uno schifo! Vergogna Trenitalia!” conclude arrabbiato il nostro lettore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Piombo

    Trenitalia è una società del gruppo FS che si occupa del trasporto di persone e cose ed è proprietaria del materiale rotabile. Nulla ha quindi a che vedere con il degrado della Stazione ferroviaria che è amministrata dalla Società Centostazioni sempre del gruppo FS ma totalmente indipendente da Trenitalia. Lo “spezzatino” delle Ferrovie dello Stato Risale al 1998 circa ad opera di Claudio Burlando ministro dei trasporti del governo Prodi ma a venti anni di distanza la gente sembra non saperne niente.