Tutto annullato

Albenga, sospeso l’arrivo dei migranti: difformità urbanistiche nell’alloggio

Il sindaco Giorgio Cangiano: "Per ora niente profughi ad Albenga, la Prefettura ha capito le nostre difficoltà"

Albenga. Non arriveranno più i 10 migranti che sembravano destinati ad essere ospitati in un alloggio privato in regione Antognano ad Albenga. L’annuncio ufficiale è arrivato questa mattina al termine del vertice tra Prefettura, amministrazione comunale ed una delegazione di residenti: a decretare lo stop sia alcune difformità urbanistiche relative all’immobile designato, sia la presa di coscienza da parte della Prefettura della difficile situazione ingauna, già alle prese con un gran numero di stranieri irregolari.

“Sono stati fatti gli accertamenti negli immobili che erano stati resi disponibili, e sembra che siano emerse delle problematiche anche rilevanti che non permetterebbero quindi di utilizzarlo per ospitare i migranti – annuncia il sindaco Giorgio Cangiano -. Oltre a ciò, la Prefettura ha compreso le nostre ragioni. Unendo queste due situazioni, la Prefettura ha deciso di sospendere l’invio di migranti ad Albenga”.

“Noi abbiamo evidenziato due punti fondamentali – spiega Cangiano – anzitutto il fatto che Albenga non è una città razzista e inospitale, e lo dimostrano i dati: abbiamo circa 2600 extracomunitari regolari sul territorio, oltre il 10% della popolazione della città. Queste persone sono integrate, lavorano e rappresentano anche una ricchezza e una risorsa per Albenga. Poi purtroppo però abbiamo anche una presenza di irregolari in numero chiaramente non definito ma molto vicino a quello dei regolari, e questi invece rappresentano un problema: sappiamo che Albenga vive questioni di delinquenza, spaccio, risse e problematiche quotidiane legate a queste persone, che creano grossi problemi. Questo non vuol dire che il fenomeno della migrazione sia da confondere con quello degli irregolari, tutt’altro; ma è giusto evidenziare che in situazioni così tese e problematiche sia difficile per la città sopportare nuovi arrivi. Albenga ha già dato”.

Niente più profughi ad Albenga, dunque. Almeno per il momento il discorso è sospeso: “La Prefettura ci ha detto che gli arrivi sono diminuiti, questo forse anche grazie ad alcune scelte del Governo. In questo momento dunque la situazione non è critica. E’ chiaro che se cose dovessero cambiare e dovessero nascere dei problemi, resta aperto un dialogo per il futuro: la volontà è quella di condividere alcune scelte, ma sempre partendo dal presupposto che la situazione di Albenga è molto particolare e come tale ritengo sia giusto venga considerata”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.