Operazione ok

Guanti, scope, sacchi e tanta pazienza: ad Albenga i migranti ripuliscono il parco “Peter Pan”

L'intervento sarà garantito anche nei prossimi mesi sempre dai richiedenti asilo ospitati a Campochiesa

Albenga. Guanti e pazienza e poi via ad una gara senza tempo per pulire e sistemare il parco “Peter Pan” dove giocano i bambini accompagnati dai loro genitori. Scope e sacchi neri per pulire e portare via spazzatura di ogni genere. Operazione di pulizia conclusa con esito positivo quella compiuta da una dozzina di ragazzi richiedenti asilo ospiti presso il centro di accoglienza di Campochiesa d’Albenga gestito dalla Cooperativa Jobel.

A seguire l’iniziativa anche due operatori del Jobel. Nel parco che è comunale è già presente un bar. La gestione e la pulizia del parco  verrà data in gestione all’Anffas, l’Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale di Albenga che si appoggerà alla Cooperativa Jobel per la gestione del personale, l’aiuto logistico e organizzativo.

In questo modo verrà data continuità ad un progetto già attivo in altre realtà come Alassio e Laigueglia dove continua l’inserimento lavorativo di ragazzi disabili. In sostanza l’iniziativa di ieri è propedeutica all’apertura del punto di ristoro.

La pulizia comunque sarà poi periodica in modo da garantire sempre il servizio e la Jobel continuerà ad occupare i ragazzi richiedenti asilo che con un lavoro volontario o un piccolo contributo sul “pocket money” contribuiranno positivamente ai progetti di inclusione sociale.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.