Consiglio regionale: minuto di silenzio per ricordare Paolo Villaggio - IVG.it
Ricordo

Consiglio regionale: minuto di silenzio per ricordare Paolo Villaggio

"Un patrimonio artistico del nostro tempo destinato a durare per molti anni"

Liguria. Questa mattina il vicepresidente del consiglio regionale Sergio Rossetti subito dopo avere aperto la seduta ha ricordato Paolo Villaggio, l’attore genovese recentemente scomparso, e ha chiesto all’Assemblea di osservare un minuto di silenzio.

“Credo di corrispondere al sentimento comune aprendo i lavori della giornata odierna con il ricordo di un nostro caro conterraneo, Paolo Villaggio – ha esordito Rossetti – Da molti anni la sua carriera di attore lo aveva portato lontano dalla terra d’origine, ma la genovesità gli è rimasta dentro, intatta, in tutta la sua lunga vita”.

“La troviamo nell’ironia, nel sorriso a tratti un po’ amaro, dei suoi “personaggi”, la ritroviamo – e ci riconosciamo – in quel carattere “ruvido”, ma sempre pronto alla battuta, in quel suo essere uomo di spettacolo, ma al tempo stesso tanto riservato negli affetti più cari della famiglia”.

Il vicepresidente ha ricordato alcuni passaggi della brillante carriera di Villaggio che fu “apprezzato dai più grandi registi e ci ha lasciato attraverso i suoi testi, la televisione, il cinema e il teatro un patrimonio artistico destinato a perpetuarne il ricordo per molti anni ancora”. Rossetti ha espresso alla famiglia dell’attore il cordoglio dell’Assemblea legislativa ligure.

leggi anche
  • Addio fantozzi
    Muore a 84 anni Paolo Villaggio: nel 2011 la Fionda di Legno ad Albenga, nel 2014 l’ultima volta in Riviera
    DSC00907
  • Loano: Paolo Villaggio grande protagonista della serata ai Bagni Florida
    Paolo Villaggio
  • Paolo Villaggio compie 80 anni: grande festa a Genova
    Paolo Villaggio
  • Altre news
    Albenga, Paolo Villaggio ritira la “Fionda” e scherza: “Vi pago se mi fate fare una torre alta 80 metri”
    DSC00907

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.