Nulla di fatto

Mondomarine, nessuna decisione: slitta a luglio l’udienza pre fallimentare

Questa mattina davanti al giudice fallimentare non sono arrivate novità

Savona. Nessuna decisione, almeno per ora. L’udienza pre fallimentare di Mondomarina di questa mattina è stata rinviata al prossimo 5 luglio. Per ora restano aperti quindi vari scenari: la chiusura dell’accordo con un investitore estero che potrebbe salvare l’azienda, l’accoglimento delle istanze di fallimento (finora le hanno presentate un ex dipendente del cantiere navale, due fornitori e la Procura di Savona), ma anche quella dell’avvio di un concordato preventivo.

L’unica certezza, per il momento, è che la situazione di Mondomarine resta avvolta nell’incertezza: se non si chiuderà il passaggio di proprietà con il gruppo cinese difficilmente sarà possibile risanare il debito che, secondo quanto trapelato, sarebbe ingente.

In attesa degli sviluppi i lavoratori di Mondomarine, che la scorsa settimana avevano protestato davanti ai cancelli dell’azienda, restano comprensibilmente molto preoccupati per il loro futuro. L’unica certezza che hanno è che fino al 18 giugno saranno in cassa integrazione.

leggi anche
mondomarine sciopero
Infuriati
Sciopero a oltranza dei lavoratori di Mondomarine: “Nessun accordo coi cinesi e Falciai pensa al suo yacht”
Mondomarine
In sciopero
Sciopero dei lavoratori a Mondomarine contro la cassa integrazione per oltre 70 lavoratori
mondomarine sciopero
Vertenza
Stato di crisi a Mondomarine, l’appello della Rsu sindacale: assemblea pubblica a Savona
Mondomarine
In sala rossa
Mondomarine, assemblea pubblica a Savona: “Chiediamo un futuro per questa azienda”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.