Lutto a Savona: investito e ucciso Gaetano Capone, il portalettere di via Luigi Corsi - IVG.it
Dramma

Lutto a Savona: investito e ucciso Gaetano Capone, il portalettere di via Luigi Corsi

A darne l'annuncio Roberto Nicolick: "Un uomo buono e per bene"

gaetano capone

Savona. Lutto per gli abitanti di via Luigi Corsi: è morto infatti in un incidente il portalettere della zona, Gaetano Capone, a soli 60 anni. A darne notizia è lo scrittore Roberto Nicolick: “Un uomo buono e per bene – ricorda – una sagoma nota che girava per le strade a consegnare la posta nelle cassette dei vari civici a lui affidati con solerzia e puntualità, sempre con una parola buona per tutti, sempre sollecito ad informarsi dello stato di salute degli anziani che magari vivevano soli, attento alle esigenze degli utenti a cui portava la posta”.

“Purtroppo Gaetano è morto, in modo tragico, investito incidentalmente da un’auto, a Monteforte Irpino, da cui proveniva – spiega Nicolick – Gaetano abitava a Savona da circa una trentina d’anni, amava la sua terra natale di cui non aveva mai reciso le radici e dove ogni tanto tornava, ma amava anche la Liguria e particolarmente Savona, dove lavorava come dipendente delle Poste in qualità di postino. La moglie è una sua collega e assieme a lei aveva messo su famiglia, una famiglia serena, da questa unione era nata una ragazza attualmente di 17 anni. Gaetano era nella sua terra natale per assistere ad un matrimonio di alcuni famigliari, quanto intorno alle 23 è stato investito da un’auto che gli ha causato ferite mortali che nonostante l’intervento dei sanitari del 112 non gli hanno lasciato scampo”.

“Oltre ad essere popolare nella sua attività lavorativa, Gaetano amava moltissimo il calcio – ricorda Nicolick – sport che da giovane aveva praticato con risultati lusinghieri; da adulto non aveva smesso di frequentare i campi di calcio come allenatore di squadre giovanili. Ho avuto la fortuna di conoscerlo in un frequente cambio di zona di consegna che l’amministrazione spesso impone ai suoi dipendenti e l’impressione è stata davvero positiva, ho percepito una persona corretta e un lavoratore affidabile che purtroppo il destino ci ha tolto”. Capone lascia la moglie Rita e la figlia Marianna.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.