La Fotonotizia di IVG.it

Pedalante

Il giro del mondo in bicicletta di Janusz River fa tappa ad Alassio e a Loano

Ricevuto dagli assessori comunali Vinai e Zaccaria e accolto dall'Associazione Albergatori Loanese

Alassio/Loano. Ha fatto tappa prima ad Alassio e poi a Loano il giro del mondo in bicicletta di Janusz River, viaggiatore 80enne di origine polacco siberiana che dal 2000 ha intrapreso un’avventurosa peregrinazione sulle due ruote in condizioni estreme, con la sola disponibilità di 3 euro al giorno e un sacco a pelo.

Ad accoglierlo nella Città del Muretto, in piazza della Libertà, l’assessore all’Ambiente Angelo Vinai, che gli ha portato i saluti dell’amministrazione comunale. Dopo la breve sosta alassina River ha ripreso il suo percorso verso ponente facendo sosta a Loano, dove ad accoglierlo è stato l’assessore a Turismo, Cultura e Sport Remo Zaccaria e l’Associazione Albergatori Loanese, che gli ha offerto ospitalità. Ciò che chiede sempre Janus è un pasto caldo (pasta, insalata e un bicchiere di vino), una doccia e un posto dove poter dormire nel suo sacco a pelo.

“Ci auguriamo che ci sia un passaparola tra i cittadini e le amministrazioni liguri che faciliti gesti di ospitalità per Janus, una persona coraggiosa, che ha deciso di pedalare per il mondo fino a quando avrà le energie per farlo – ha detto Zaccaria – Quando raggiungerà la Cina avrà più di novant’anni: aiutiamolo a realizzare il suo grande sogno”.

Janusz River Strzelecki ha iniziato il suo viaggio da Roma e si propone di chiuderlo nel 2028 a Pechino. È arrivato a Genova all’inizio di giugno e ora sta percorrendo la regione per poi spostarsi in Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige. È sua intenzione percorrere 12mila chilometri in Italia e poi andare in Sud America, Australia e infine in Cina. In Liguria, oltre che ad Alassio e Loano, è stato già accolto e si è ristorato nei comuni di Arenzano, Varazze, Celle Ligure e Finale Ligure.

Dopo aver vissuto per un periodo in Egitto si è trasferito a Roma dove ha lavorato nel mondo del calcio e degli spettacoli come organizzatore di eventi. Nel 1999 ha mollato tutto e ha iniziato il giro del mondo in bici. Dalla nostra capitale si è spostato nelle Canarie in nave e ha iniziato il giro dell’Europa fino a Capo Nord. Dopo l’Africa e l’Asia è stato in Russia per qualche anno e alla fine del 2016 è arrivato in Sicilia. Partendo da Messina ha percorso tutta l’isola, ha incontrato i bambini nelle scuole e li ha coinvolti nel racconto della sua storia.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.