Alla stazione di Andora le obliteratrici funzionano a singhiozzo - IVG.it
Da risolvere

Alla stazione di Andora le obliteratrici funzionano a singhiozzo

Si lamentano i pendolari che ogni giorno salgono sui treni diretti a Ventimiglia e Genova per lavoro

stazione andora

Andora. Sette mesi dopo l’inaugurazione del raddoppio ferroviario tra Andora e San Lorenzo e l’apertura di tre nuove stazioni c’è già bisogno di una serie di interventi di manutenzione.

Fioccano le segnalazioni degli utenti che ogni giorno salgono in treno e che viaggiano per motivi di lavoro lungo la Riviera. A cominciare dalle obliteratrici. “Una non funziona, l’altra male”, spiegano gli utenti che si sono lamentati sul gruppo whatsapp. “Il risultato è quello che ogni volta che sali in treno sei costretto a cercare il controllore per fargli presente il disservizio se non vuoi rischiare di essere multato”. Una segnalazione che va ad aggiungersi ad altre arrivate al Comitato utenti Trenitalia che continua a raccogliere osservazioni da parte dei pendolari.

I viaggiatori chiedono anche controlli più capillari da parte delle forze dell’ordine. “In sette mesi di funzionamento la presenza di uomini in divisa è davvero sporadica – spiegano i pendolari – Con l’arrivo dell’estate e l’aumento di turisti forse sarebbe il caso di potenziare la vigilanza”. Tra l’altro, proprio con l’aumento dei turisti, è stato anche richiesto un aumento delle corse degli autobus tra la stazione e il centro cittadino.

 

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.