IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vaccini per i bimbi: all’esame del Consiglio regionale nuova legge

Liguria. Vaccini obbligatori per i bimbi che accedono agli asili nido ed ai servizi integrativi della Liguria. La II Commissione regionale, che si occupa anche di sanità, ieri ha deciso di portare avanti la proposta di legge presentata nelle scorse settimane dal consigliere Alessandro Puggioni (Lega Nord Liguria). In contemporanea, i lavori della Commissione riguarderanno anche l’altra proposta presentata dal Gruppo di minoranza del Pd.

“Nei prossimi giorni – annuncia Puggioni – partiranno quindi le audizioni e poi il testo della Legge approderà in Consiglio regionale per il voto dell’aula entro l’estate. Non volendo entrare nel merito delle odierne polemiche e spaccature all’interno della maggioranza del Governo Gentiloni, in particolare tra la ministra Beatrice Lorenzin (Alternativa Popolare) e la ministra Valeria Fedeli (Pd), la nostra proposta di legge regionale appare nello specifico più completa rispetto a quella del Partito Democratico”.

“Infatti, a differenza del documento del Pd, quello della Lega prevede che la Giunta Toti si faccia promotrice di campagne di sensibilizzazione ed informazione rivolte non solo alla cittadinanza, ma anche al personale scolastico e sanitario”.

“Abbiamo inoltre previsto che l’obbligo delle vaccinazioni riguardi specificamente quelle incluse nel calendario, via via aggiornato, dal Ministero nel Piano Nazionale della prevenzione vaccinale, i cui obiettivi prioritari sono costituiti dalla riduzione del carico di malattia, dall’investimento sul benessere dei giovani e dall’attenzione nei confronti dei gruppi più fragili della cittadinanza. Importante è quindi ricreare una cultura della prevenzione, seguendo le indicazioni degli esperti. Vaccinare i nostri bambini non deve essere visto come un obbligo, ma soprattutto come un dovere verso se stessi, i propri figli ed a tutela degli altri”.

“Nel giorno in cui il ministro della salute Lorenzin invia al premier Gentiloni il testo di legge sull’obbligatorietà dei vaccini per l’accesso alla scuola pubblica – domani il provvedimento arriverà in Consiglio dei Ministeri – dice la capogruppo del Pd in Regione Liguria Raffaella Paita ha illustrato in Commissione Sanità la proposta del Gruppo consiliare del Partito Democratico ligure, di cui è prima firmataria, dal titolo “Disposizioni per preservare la salute dei bambini. Introduzione all’obbligo di vaccinazione per accedere ai nidi d’infanzia”.

“Una legge, spiega Paita, che nasce come reazione “alle campagne di disinformazione che in questi ultimi anni hanno messo sul banco degli imputati i vaccini, portando a una diminuzione, oltre la soglia di sicurezza, del numero dei bambini vaccinanti e il conseguente aumento dei casi di malattie contagiose (vedi il morbillo). Insomma dopo anni in cui, grazie ai vaccini, eravamo riusciti a debellare alcune patologie, oggi assistiamo a un loro ritorno, a causa della sottovalutazione e della disinformazione. A farne le spese sono soprattutto i bambini più deboli, che per problemi di salute non possono vaccinarsi”.

“E così, come Gruppo Pd, in linea con quanto già fatto in alcune regioni come l’Emilia Romagna e con quanto sta facendo il governo italiano, abbiamo deciso di proporre una legge che preveda l’obbligatorietà dei vaccini per i bambini che si iscrivono agli asili nido. Oggi – conclude Paita – questa proposta di legge è approdata, finalmente, in commissione sanità. Nei prossimi giorni partiranno le audizioni e poi il testo arriverà in Consiglio per il voto dell’aula”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.