IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Torino la festa per il Cinquantenario di fondazione del Centro Pannunzio

Saranno ricordati anche i liguri Mario Berrino, Roberto Baldassarre, Lelio Speranza e Romano Strizioli

Torino. Una delegazione del Ponente ligure parteciperà lunedì 22 maggio, alle 17, all’Università di Torino all’apertura delle manifestazioni per il Cinquantenario di fondazione del Centro Pannunzio fondato a Torino il 21 maggio.

All’evento parteciperanno le maggiori autorità e verrà reso omaggio alla statua del prof. Francesco Ruffini all’Ateneo Torinese, uno dei pochi docenti che non giurò fedeltà al fascismo e perse la cattedra. Poi ci sarà un concerto di musica classica del pianista Fabrizio Sandretto, non vedente dalla nascita.

Il prof. Pier Franco Quaglieni, cofondatore del Centro insieme ad Arrigo Olivetti e Mario Soldati, ripercorrerà la storia del centro Pannunzio e le figure che hanno caratterizzato la vita del Centro. Un ricordo avranno i liguri Mario Berrino, Roberto Baldassarre, Lelio Speranza, Romano Strizioli. Verranno ricordate anche le attività in Liguria ad Alassio, Albenga, Andora, Loano, Savona, Chiavari, Rapallo e Portovenere.

“Il Centro vive un momento magico, ci sarà tanta gente da ogni parte d’Italia. Mezzo secolo non è un traguardo di poco conto. Siamo quindi orgogliosi del nostro passato, ma anche molto consapevoli dei nostri inevitabili errori,guardiamo a questo anniversario come ad un nuovo punto di partenza. Il Centro si prepara ad un’assemblea che si terrà in giugno e che eleggerà un nuovo presidente e nuovi organi direttivi in una linea di rinnovamento nella continuità. Il Centro è oggi una realtà nazionale da Bolzano a Trapani, con un forte radicamento ligure. Festeggeremo con la musica,ma anche non la riflessione critica” il commento del prof Pier Franco Quaglieni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.