Back in time

Loano diventa contea indipendente: tutto pronto per la “Festa Rinascimentale”

Prenderà il via alle 16 di sabato 20 maggio

Festa rinascimentale Loano

Loano. Sabato 20 maggio Loano farà un tuffo nel passato con la “Festa Rinascimentale” che rievocherà la proclamazione di Loano come contea indipendente avvenuta nel 1575 alla presenza dei conti di Loano Gianandrea Doria e Zenobia Del Carretto Doria. L’iniziativa, promossa dall’assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano e organizzata dall’associazione Pro Musica Antiqua con il contributo della Fondazione A. De Mari, prenderà il via alle 16.

“Nacqui l’anno del 1540 e d’otto anni mi condusse seco il Prencipe mio Signore, e di continuo mi fece in tutte le occasioni s’offersero, navigare con sé. De quattordici anni mi mandò capo di molte galere e di quindici anni di tutti li Generali del Re nostro Signore”. Comincia così la “Autobiografia” del principe Giovanni Andrea Doria (1540-1606) la cui vita avventurosa, funestata a soli sette anni dalla tragica morte del giovane padre Giannettino, ucciso nei tumulti della Congiura dei Fieschi del 1547, fu come lui stesso racconta subito indirizzata sul mare dal favore, e dal volere, del grande ammiraglio Andrea Doria.

Giovanni Andrea ebbe con Loano un rapporto molto stretto a partire dal 1575 quando il feudo – che per secoli era stato dei Doria, e che ai primi del Cinquecento era stato venduto ai Fieschi in circostanze controverse – tornò nei domini della famiiglia ed elevato a contea. Un episodio importantissimo per Loano che da quel momento conobbe una nuova età dell’oro, confermata poi dai discendenti di Giovanni Andrea. La “Festa Rinascimentale” vuole ricreare un po’ l’atmosfera di quei giorni, a partire dai personaggi centrali, vale a dire Giovanni Andrea e l’amatissima consorte Zenobia Doria Del Carretto, principessa di Melfi, dama di grande prestigio e caratura morale e religiosa (doti che le furono riconosciute dallo stesso San Carlo Borromeo, che anche per questo approvò il matrimonio dei suoi nipoti Vittoria Colonna e don Ferrante Gonzaga con i figli dei principi Doria) e, soprattutto, legatissima a Loano.

In un ideale e suggestivo viaggio nel tempo, Gianandrea e Zenobia faranno ritorno nel loro antico palazzo, accompagnati dai nobiluomini e dalle dame del loro seguito e scortati da un drappello di armati. Durante il corteggio che attraverserà le vie del borgo fino alla Porta Passorino, tra l’altro proprio risalente all’epoca di Gianandrea, e nei successivi momenti che avranno come sfondo piazza Italia e il Palazzo Doria, verranno rievocati, sulla base dei documenti originali, episodi legati alla storia di Loano e all’epopea dei principi Doria.

Festa rinascimentale Loano

La rievocazione comincerà con manovre e onori militari e salve di archibugi e culminerà con uno spettacolo di musiche e danze in onore della principessa Zenobia e del principe Gianandrea: un saggio del grandioso ricevimento che lo stesso principe, il 29 luglio del 1571, offrì nel suo palazzo di Fassolo a Genova a don Giovanni D’Austria e ai suoi capitani, in procinto di partire per Lepanto. In quell’occasione, scrive il maestro di danza Cesare Negri nel suo trattato del 1602 “Le Gratie d’Amore”, “si fece in Genova un banchetto à cinquantadue Dame delle principali della città, tutte vestite d’ermesino, e di raso bianco, e ornate di bellissime gioje. E si servì à diciotto piatti, poi si fece una gran festa…”

Protagonisti di quello che vuol essere un piccolo omaggio alla storia antica di Loano saranno i musicisti dell’associazione Pro Musica Antiqua, il gruppo di danza storica Le Gratie d’Amore (che per l’occasione utilizzerà abiti messi a disposizione dalla Fondazione Cerratelli di Pisa) e la compagnia d’armi Flos Duellatorum. Al corteo storico e allo spettacolo di musica e danza parteciperanno l’ensemble di trombettieri del liceo coreutico Sandro Pertini di Genova, il gruppo delle Dominae Naulensis di Noli e il gruppo storico della Campanassa di Savona che, in particolare, testimonierà la parte medievale della presenza dei Doria a Loano ai tempi di Oberto e soprattutto di Raffo Doria, sotto il cui dominio apparvero i primi insediamenti nella zona a mare.

Il programma. Alle 16 in piazza Italia ci sarà la proclamazione della costituzione della contea indipendente di Loano. Alle 16.30 inizierà la sfilata storica nelle vie del centro storico. Alle 17 sempre in piazza Italia prenderanno il via le manovre militari in onore del casato dei Doria con la presenza di nobili, armati e salve di archibugi. Dalle 17.30 alle 19 “Gran spettacolo di canti musiche e danze in piazza”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.