IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tariffe mensa e tagli ai servizi a Savona, “l’Esercito dei Passeggini” ora si rivolge al presidente della Repubblica

Palazzo Sisto non arretra e adesso i genitori passano al contrattacco: "Presentiamo un ricorso per chiedere l'annullamento della delibera"

Savona. La protesta di quello che sotto la Torretta è stato ribattezzato “l’Esercito dei Passeggini” arriva a Roma, precisamente davanti al Presidente della Repubblica. Il gruppo di genitori, nato spontaneamente dopo le proteste delle mamme contro i rincari ed i tagli ai servizi per le famiglie e i minori, ha infatti preparato un ricorso da presentare a Sergio Mattarella, che sarà inviato al Quirinale entro la fine della settimana.

Dallo scorso dicembre, quando ci fu la prima raccolta di firme per annullare la ormai famosa delibera del 17 novembre che stabiliva aumenti per le rette dei nidi e delle mense degli istituti savonesi (firmata da circa 900 genitori), l’esercito “dei passeggini” ha fatto molta strada.

Dopo aver “invaso” il consiglio comunale del 22 dicembre avevano ottenuto lo slittamento degli aumenti dei nidi al settembre prossimo. I genitori savonesi però non erano soddisfatti e così le proteste per vedere annullata la delibera sono continuate.

Nonostante le innumerevoli mozioni e interpellanze presentate da tutta l’opposizione (tutte ricusate) e la proposta di revisione delle fasce ISEE (con richiesta di applicare quello puntuale), da Palazzo Sisto non è arrivato nessun segnale di resa. Allora l’esercito dei passeggini è passato all’attacco.

“Con grande rammarico, lo stesso citato dall’assessore Montaldo proprio in riferimento ad un possibile ricorso delle famiglie più colpite, abbiamo raccolto l’invito del vicesindaco Arecco che nel consiglio comunale del 14 marzo ci ha pubblicamente esortato a rivolgere altrove le nostre lamentele: per questo abbiamo deciso di procedere con il ricorso straordinario al presidente della Repubblica” spiegano i genitori firmatari del documento.

“Speriamo di aver trovato il giusto interlocutore per ottenere l’annullamento della delibera che chiediamo da mesi” concludono.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.