Tangenti e favori: concessi gli arresti domiciliari a Tesio - IVG.it
La novità

Tangenti e favori: concessi gli arresti domiciliari a Tesio

Il poliziotto la scorsa settimana era stato interrogato dal pm ed aveva avuto un atteggiamento collaborativo

Roberto Tesio

Savona. Il gip Fiorenza Giorgi questa mattina ha concesso gli arresti domiciliari al poliziotto Roberto Tesio, che era finito in carcere un mese fa nell’ambito dell’inchiesta della squadra mobile di Savona sul presunto sistema di “favori” in cambio di vantaggi economici.

Tesio venerdì scorso era stato interrogato dal pm Chiara Venturi e, al termine dell’audizione (dove secondo quanto trapelato il poliziotto aveva collaborato con gli inquirenti), il suo legale, l’avvocato Aldo Mirate, aveva depositato una memoria scritta, ma anche un’istanza di arresti domiciliari. Richiesta che è stata appunto accolta dal giudice Giorgi.

Roberto Tesio deve rispondere di cinque episodi di violazione del segreto d’ufficio, tredici di corruzione, due di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, uno di favoreggiamento della prostituzione e poi l’accusa di truffa ai danni dello Stato per una decina di occasioni in cui, in orario d’ufficio, sarebbe stato invece impegnato nei suoi “maneggi”. Il poliziotto avrebbe confermato al pm il contenuto della memoria difensiva depositata dal suo legale, l’avvocato Aldo Mirate.

Sempre la scorsa settimana davanti al sostituto procuratore Venturi si erano presentati il viceprefetto Andrea Santonastaso, che è finito ai domiciliari per corruzione e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina (a breve anche i suoi legali dovrebbero chiedere un’attenuazione della misura), e Carlo Della Vecchia, l’altro dirigente della prefettura finito nei guai nella maxi inchiesta sul presunto giro di “ricompense” che i due avrebbero ricevuto in cambio appunto di “favori”.

Dopo di loro erano stati sentiti anche Antonjel Dibra (avvocato Stefano Rizzo), finito agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, che aveva fornito la sua versione dei fatti al pm; e Aadel Salah, in carcere con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, che, di fatto, avrebbe ammesso tutti gli addebiti che gli sono contestati.

Gli interrogatori continueranno anche questa settimana quando il pm Venturi interrogherà parte delle diciannove persone indagate a piede libero come “corruttori” perché avrebbero beneficiato dei favori concessi dai pubblici ufficiali in cambio di “regali”. Tra di loro ci sono sia stranieri che commercianti e liberi professionisti.

Le indagini avrebbero rivelato che i favori riguardavano pratiche di ogni genere: dalle quelle relative alle patenti e ai passaporti, al rilascio del porto d’armi, ma anche la riduzione dei giorni di sospensione delle patenti o l’aggiunta di nomi sui certificati.

In cambio del buon esito delle diverse pratiche i pubblici ufficiali avrebbero ottenuto “regali” e vantaggi economici. In particolare avrebbero “approfittato” della professione del beneficiario del favore per avere in cambio, per esempio, vestiti, schede telefoniche, cene, assunzioni di persone amiche.

leggi anche
santonastaso borghetto
Chi sono
Santonastaso, Tesio e Della Vecchia: gli “insospettabili” nella bufera di un’inchiesta per corruzione, truffa e favoreggiamento
borghetto municipio comune
Shock
Andrea Santonastaso arrestato per corruzione, terremoto a Borghetto Santo Spirito
Giorgio Manari
Il commento
Arresti in Prefettura, Manari: “Siamo una struttura sana, abbiamo gli anticorpi per reagire”
questura notte
Blitz all'alba
Permessi di soggiorno o autorizzazioni in cambio di denaro, cene e vestiti: arrestati un poliziotto e due funzionari del Ministero
borghetto municipio comune
Sospeso e sostituito
Andrea Santonastaso arrestato per corruzione, il nuovo commissario di Borghetto è Fabrizia Triolo
Roberto Tesio
Faccia a faccia
Tangenti e favori: Tesio, Salah e Dibra ascoltati dal pm
santonastaso borghetto
Misura attenuata
Tangenti e favori, revocati i domiciliari al viceprefetto Andrea Santonastaso
santonastaso borghetto
Nuovo passaggio
Maxi inchiesta su tangenti e favori: chiesto il rinvio a giudizio per Santonastaso e altri 24
prefettura savona
A giudizio
Maxi inchiesta su tangenti e favori in Prefettura: udienza preliminare rinviata a settembre
prefettura savona
Udienza preliminare
Maxi inchiesta su tangenti e favori in Prefettura: 17 rinvii a giudizio e 3 patteggiamenti

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.