IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pd, Vattuone è il nuovo segretario regionale: “L’unità ritrovata è un bel esempio”

La nomina ufficiale all'assemblea ligure: la sua era una candidatura unitaria

Liguria. Il senatore di area Dem Vito Vattuone, 59 anni, e’ stato eletto stamane segretario regionale del Pd dalla Convenzione regionale alla presenza di 400 dei 700 delegati. La sua era una candidatura unitaria.

Il neo segretario prende le redini del partito ligure dopo il commissariamento gestito dal parlamentare renziano David Ermini. Il commissariamento era arrivato dopo il caos alle primarie per la candidatura alla presidenza della Regione con la contrapposizione tra Raffaella Paita, vincitrice, e Sergio Cofferati, con questo denuncio’ brogli e anomalie, poi riscontrati dalla commissione interna che annullo’ i voti di alcuni seggi anche se questo non permise all’ex leader della Cgil di ribaltare il risultato. Questo porto’ alla spaccatura del partito, Cofferati lascio’ il Pd con altri dell’area piu’ a sinistra del partito.

Commissariamento necessario anche a seguito della sconfitta delle Regionale a vantaggio del centrodestra e le divisioni interne tra renziani e bersaniani.

“Conto su di voi – ha detto Vattuone – se faremo il percorso insieme otterremo i successi che meritiamo, serve unita’”. Vattuone ha tenuto un discorso di venti minuti in cui ha attraversato le sue linee programmatiche: lavoro, sviluppo, sicurezza e immigrazione.

“L’unita’ ritrovata in Liguria e’ un bel segnale per tutto il Pd” ha aggiunto il neo segretario regionale del Pd. Vattuone e’
arrivato al ruolo di segretario dopo che sul suo nome erano confluite tutte le anima del partito, prima diviso tra renziani e bersaniani. La convergenza su Vattuone e’ avvenuta prima della scissione e in Liguria nessun esponente di spicco ha lasciato il Pd per confluire in Mdp. “La diversità delle posizioni e’ la nostra forza, ma una volta discusso tra noi e presa una decisione, si deve remare tutti verso la stessa direzione. Il lavoro unitario svolto in regione e che ha portato alla mia candidatura, come unitaria, e’ stato un buon esempio” ha concluso.

Il commissario Ermini, che ha ricordato questa esperienza come “bella politicamente e umanamente”, ha detto: “Stiamo vivendo un momento difficile, di disaffezione e scetticismo verso la politica. Qui in Liguria avete una tradizione vera di partigiani e persone che hanno lottato per la democrazia, saprete raccogliere questa eredita’”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.