IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ferrania, parte lo studio sperimentale di Arpal per ridurre l’impatto olfattivo foto

L'assessore Poggio: "Saranno coinvolti anche i residenti che dovranno compilare apposite schede per un monitoraggio più puntuale"

Più informazioni su

Cairo Montenotte. Miasmi a Ferrania e a Vispa: al via uno studio sperimentale di impatto olfattivo. Questo ciò che è stato deciso ieri durante l’incontro tra il Comune di Cairo, l’Arpal e le aziende Ferrania Ecologia, Ferrania Technologies e Cartiera Carma, ovvero soggette ad Aia.

Come spiega l’assessore cairese all’Ambiente, Alberto Poggio, “si è rilevata la disponibilità da parte dei soggetti interessati ad agire secondo quanto è stato proposto. Purtroppo non esiste in materia nessuna normativa su scala nazionale, ma si è scelto di basare lo studio sulle recenti linee guida adottate già dalla Lombardia e dalla Provincia di Trento. Non essendoci una legge precisa, se non in materia sanitaria (e non è questo il caso), si partirà con un piano di condivisione per analizzare l’impatto olfattivo mediante la simulazione di dispersione”.

In pratica, per trovare una soluzione a questo disagio odorigeno, si agirà su più fronti: con campionamenti di sostanze utilizzate dalle aziende e software appositi, ma saranno coinvolti anche i residenti che lamentano il problema. Infatti, appena i modelli saranno pronti, verranno consegnate apposite schede ai volontari che si renderanno disponibili, i quali non dovranno fare altro che annotare, ad esempio, l’ora e l’intensità degli eventuali miasmi percepiti. Queste schede saranno poi vagliate e confrontate con le altre analisi, così da avere una fotografia reale in base alle emissioni, tenuto conto che si verificheranno anche i dati delle centraline meteo in merito alla rotazione dei venti e alle condizioni atmosferiche.

“Lo studio avrà una durata di circa due-tre mesi, ma sarà possibile proseguire anche in futuro per far sì che le aziende stesse possano continuamente apportare delle migliorie – conclude Poggio – Ci auguriamo che sia il metodo giusto per risolvere il problema, soprattutto un disagio, pur non avendo nessuna legge sugli sforamenti su cui basarsi. L’obiettivo è comunque quello di ridurre l’impatto olfattivo e lavoreremo per trovare la soluzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Tato79

    ..speriamo sia un inizio utile a far si’ che il problema venga risolto, confidiamo nelle istituzioni e nelle aziende. farebbe piacere a noi abitanti del vispa dare una mano in tal senso facendoci partecipi della compilazione delle schede di monitoraggio, spero che il comune di carcare o chi di dovere si interessi facendo le nostre veci… comunque bene, e’ gia’ un inizio.