Ab origine

Cairo, Alessandro Garulla racconta la storia dimenticata della battaglia di Capo Noli

A Savona presentazione del volume "Vittorio Poggi (1833-1914) tra la Liguria e l'Europa degli studi"

istituto tecnico cairo iss

Cairo Montenotte. Tra il 13 e il 14 marzo 1795 al largo di Capo Noli si è combattuta una battaglia tra la flotta rivoluzionaria francese e l’Inghilterra. Una battaglia in grande stile, piena di scontri, errori di manovra, collisioni, affondamenti con centinaia di morti e feriti. Una battaglia in cui si sono fatte le ossa alcuni personaggi passati poi alla storia ed in cui si incrociarono indirettamente i destini di Horatio Nelson e Napoleone Bonaparte. E, fino ad un recente passato, nessuno ne ha saputo niente.

A raccontare, “minuto per minuto” la storia dimenticata della battaglia di Capo Noli, i suoi antefatti e le conseguenze militari e politiche sarà Alessandro Garulla, esperto della Società Savonese Storia Patria, consulente storico-militare dell’associazione 51º Demi Brigade de bataille di Loano.

L’incontro si svolgerà venerdì 17 marzo con inizio alle ore 14,30 presso l’aula multimediale dell’Istituto Secondario Superiore di Cairo Montenotte, in via Allende 2.

Il seminario fa parte del progetto “Ab Origine 2017 – Aspetti di storia della Val Bormida” organizzato dall’Istituto cairese in collaborazione con la Società Savonese Storia Patria e l’Istituto Internazionale Studi Liguri sezione Val Bormida e con il patrocinio del Comune di Cairo Montenotte.

Sempre venerdì 17 marzo, alle ore 16,30, a Savona in Sala Rossa, la Città di Savona e la Società Savonese di Storia Patria invitano alla presentazione del volume “Vittorio Poggi (1833-1914) tra la Liguria e l’Europa degli studi” edito negli Atti della Società Ligure di Storia Patria.

All’incontro saranno presenti Paolo Calcagno e Giovanni Mennella, dell’Università di Genova, oltre agli autori e alle pronipoti di Vittorio Poggi, Dede Restagno e Josepha Costa Restagno

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.