IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cairo 2017, nel centrodestra sfida a due tra Speranza e Lambertini dopo il passo indietro di Legario

Ora la partita si gioca tutta sugli equilibri e sugli accordi regionali di Lega Nord e Forza Italia

Cairo Montenotte. Elezioni amministrative a Cairo, dopo la “rinuncia”alla candidatura di sindaco in quota Lega Nord di Francesco Legario in favore di Roberto Speranza si rincorrono le prime reazioni nel panorama politico della città valbormidese.

Se per quanto riguarda il centro sinistra l’aspirante primo cittadino Matteo Pennino, del Pd, sta lavorando alla composizione della sua lista e si limita ad un commento lapidario, ossia “prendo atto ma penso al mio impegno e guardo cosa succede in casa mia”, sul fronte del centrodestra questa “sintesi” del Carroccio apre le porte ad una sfida tra i due principali partiti della coalizione, ossia la Lega stessa e Forza Italia.

“Nei prossimi giorni sarà noto il nome unico e definitivo – spiega il segretario provinciale forzista, Santiago Vacca – Il nostro candidato è Paolo Lambertini, quello della Lega Nord Roberto Speranza. Sicuramente correremo uniti come nelle altre competizioni liguri, quindi si dovrà trovare la chiave di volta per decidere su chi puntare. Si tratta di due persone molto valide, con ottime qualità ed entrambe in grado di traghettare Cairo verso una conferma importante del centrodestra. Da tre aspiranti candidati siamo scesi a due, ora la partita si gioca anche in base agli accordi di macroarea regionale assunti dagli schieramenti”.

Voci meno ufficiali darebbero già Speranza come avversario di Pennino, in quanto a Cairo dovrebbe spuntarla la Lega Nord. Tra i rumors di queste ultime settimane anche la possibilità di altre due liste, una guidata dall’attuale consigliere di minoranza Giovanni Ligorio, che si è detto pronto a correre da solo (e in questo caso potrebbe raccogliere anche i consensi dell’elettorato del Movimento 5 Stelle) e l’altra a capo di Fabrizio Ghione, assessore uscente della giunta Briano, in quota Ncd. Sempre se il centrodestra non riuscirà ad “assorbire” entrambi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.