Chi visita il Vescovado di Noli aiuta i terremotati, l'iniziativa benefica del Fai - IVG.it
Bella idea

Chi visita il Vescovado di Noli aiuta i terremotati, l’iniziativa benefica del Fai

Sarà possibile effettuare una visita esclusiva di alcuni locali interni dell’antico palazzo del paese

Noli Palazzo Vescovile Il Vescovado Nolinwine

Noli. L’iniziativa è certamente lodevole e prestigioso. Visitando uno dei gioielli della Riviera di Ponente, il Vescovado di Noli, si aiutano i terremotati del centro Italia. A promuoverla è per il 24 febbraio il Fai, il Fondo Ambiente Italiano. La delegazione di Savona si è fatta portavoce di un progetto di risanamento del Fai nazionale su un bene che si trova  a Capodacqua, una frazione di Arquata del Tronto ovvero il tempietto della Madonna del Sole, che si trova in pessime condizioni conservative in seguito alle forti scosse.

La facciata principale e la cornice del rosone sono semi-crollate, inoltre sono lesionati gli interni con i loro splendidi affreschi, l’Assunzione della Vergine tra gli apostoli e la Madonna del Sole.
Il Fai intende restituire ai cittadini un luogo simbolo della loro storia e della loro identità con un restauro per il quale sono stati previsti ben oltre 300 mila euro.
Per questo motivo, la delegazione di Savona ha organizzato un evento di raccolta fondi che si terrà appunto il 24 febbraio. Dalle 17 sarà possibile effettuare una visita esclusiva di alcuni locali interni dell’antico palazzo vescovile e successivamente è previsto un aperitivo “stellato”, curato ed elaborato per l’occasione dallo chef Giuseppe Ricchebuono, una stella e tre forchette Michelin. Per la partecipazione all’evento di raccolta fondi è richiesto un contributo libero a partire da 60 euro (per gli iscritti FAI a partire da 50 euro). E’ obbligatoria la prenotazione entro mercoledì 15 febbraio.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.