Servizi Ambientali, ancora da decidere il futuro del presidente Andrea Santonastaso - IVG.it
Che sarà

Servizi Ambientali, ancora da decidere il futuro del presidente Andrea Santonastaso

Il commissario prefettizio del Comune si era auto-nominato presidente della partecipata e ora si trova ai domiciliari

Villa Laura Servizi Ambientali Borghetto

Borghetto Santo Spirito. E’ ancora tutto da scrivere il futuro dell’ormai ex commissario prefettizio del Comune di Borghetto Santo Spirito Andrea Santonastaso nella sua altra veste di presidente di Servizi Ambientali, la società a partecipazione pubblica che ha in gestione il depuratore consortile delle ex cave di località Cappellotti e il ciclo idrico della cittadina rivierasca.

Santonastaso ha assunto la carica di presidente della partecipata (di cui il Comune di Borghetto è azionista di maggioranza insieme al Comune di Loano) alla scadenza del mandato del precedente presidente Mario Baucia. I patti parasociali tra i due Enti stabiliscono che al sindaco di Loano (che detiene un numero di quote maggiore) spetta la nomina dell’amministratore delegato della società, mentre al primo cittadino di Borghetto spetta la scelta del presidente.

Al momento di rinnovare le due massime cariche societarie, Luigi Pignocca ha rinnovato l’incarico all’Ad uscente, cioè l’avvocato Alessandro Vignola. Santonastaso, invece, ha deciso di tenere questa carica per sé e quindi di auto-nominarsi presidente.

Una decisione che secondo i bene informati non avrebbe soddisfatto buona parte degli altri Comuni soci, che avrebbero preferito la proroga dell’incarico a Mario Baucia per ragioni di esperienza e continuità e specialmente per evitare possibili apparenti “conflitti di interesse” che, secondo i più maliziosi, si sono prontamente verificati.

Il primo “conflitto di interesse” sarebbe la vendita all’asta di Villa Laura, immobile di proprietà del Comune di Borghetto e sede proprio di Servizi Ambientali e Ponente Acque: secondo gli esponenti dell’ex amministrazione comunale di Giovanni Gandolfo, questa sarebbe stata venduta ad un valore (602 mila euro) ben inferiore a quello di mercato. Ad aggiudicarsi l’asta e quindi a rilevare l’immobile è stata proprio la partecipata.

Borghetto Villa Laura Servizi Ambientali

L’altro “caso” sarebbe l’accordo transattivo tra il Comune di Borghetto e la Servizi Ambientali riguardante le spese sostenute per la bonifica dell’area su cui ora sorge il depuratore consortile e gli incassi relative alle passate annualità delle bollette dell’acqua. Un che se da un lato ha messo fine ad una questione iniziata addirittura durante il mandato dell’ex sindaco Santiago Vacca, dall’altra parte secondo qualcuno ha creato qualche imbarazzo visto il doppio incarico proprio di Santonastaso.

Tornando alla questione relativa alla carica di presidente, come noto attualmente Santonastaso si trova agli arresti domiciliari. Nonostante la custodia cautelare, alla luce della normativa attualmente vigente non vi sono motivi per i quali l’ex commissario debba lasciare l’incarico di presidente di Servizi Ambientali. Al momento, quindi, Santonastaso resta al suo posto. [tag name=’inchiesta corruzione prefettura’]

Nei prossimi giorni, comunque, sarà convocata un’assemblea dei soci, la quale sarà chiamata ad analizzare la questione e decidere in quale maniera procedere. Questo anche alla luce degli eventuali input che arriveranno dal nuovo commissario prefettizio del Comune di Borghetto, Fabrizia Triolo. Per il momento la società continua a lavorare “come al solito” grazie al consiglio di amministrazione composto da cinque membri. Le funzioni del presidente saranno esercitate dal vice, che sarà nominato appositamente per sopperire alla temporanea mancanza del vertice societario.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.