Il saluto

Polizia di Stato, le prime parole del nuovo questore Ingrassia ai savonesi: “Il mio ufficio è aperto per voi”

Oggi la conferenza stampa di saluto a Varese: "A Savona mi aspetto di trovare una realtà molto sana e in forma"

Savona. “Saluto tutti i cittadini di Savona, che spero di trovare nel mio ufficio perchè, come ho già fatto a Varese, il mio ufficio è sempre aperto per chiunque“. Ecco le prime parole rivolte ai savonesi da Attilio Ingrassia, il nuovo questore di Savona che entrerà in carica domani.

IVG.it questa mattina lo ha raggiunto a Varese, dove Ingrassia guidava la Questura da inizio 2015. Nel corso della conferenza stampa di saluto alla città lombarda il dirigente della Polizia di Stato ha parlato anche della sfida che lo attende: “Non sono mai passato da Savona, conosco la città per quello che ho avuto modo di scoprire attraverso gli organi di stampa ed alcuni colloqui che ho già avuto coi colleghi della questura di Savona. Mi aspetto di trovare una realtà molto sana, molto buona e in forma, pronta ad affrontare le tante problematiche che ci sono“.

Nel corso del suo saluto Ingrassia ha spiegato che quelli trascorsi a Varese “sono stati due anni molto proficui, e ho cercato di interpretare il mio ruolo mettendomi sempre a disposizione. Chiunque è potuto venire a trovare nel mio ufficio”. E lo stesso concetto lo ha voluto ribadire ai suoi prossimi concittadini, i savonesi: “Vi aspetto, io sono sempre disponibile“.

Ingrassia, nato a Palermo il 12 giugno del 1955, sposato e con due figlie, sostituirà l’attuale questore Giovanni Signer, che oggi termina il suo incarico sotto la Torretta per trasferirsi al comando della Questura di Caltanissetta. Signer guidava la polizia savonese da poco più di un anno (era entrato in carica il 1 novembre 2015); prima aveva ricoperto diversi ruoli nella Questura di Catania ed era stato a capo della Squadra Mobile di Enna.

Ingrassia ha iniziato la carriera nella Polizia di Stato nell’ottobre 1974, frequentando l’11° Corso dell’Accademia del Corpo delle Guardie di P.S. a Roma, fino al giugno 1978. Con il grado di tenente, viene assegnato al reparto Mobile di Catania, ove svolge le mansioni di Comandante di Compagnia fino al luglio 1985. Dopo l’entrata in vigore della Legge 121/81, il Dr. Ingrassia assume il grado di Commissario Capo e dirige, fino al settembre 1994, una Sezione della Squadra Mobile presso la Questura di Palermo; nello stesso periodo, svolge anche le mansioni di Reggente della Divisione del Personale, nonché Dirigente dei Commissariati Sezionali “Libertà” e “Mondello”.

Dall’ottobre 1994 al 1996 dirige il Commissariato di Termoli (CB) con il grado di Vice Questore aggiunto; dal mese di ottobre 1996 a dicembre dello stesso anno, il Dr. Ingrassia frequenta il Corso di formazione dirigenziale presso l’Istituto Superiore di Polizia a Roma, conseguendo la qualifica di Primo Dirigente della Polizia di Stato. Si trasferisce a Trento, ove ricopre l’incarico di Dirigente la Divisione Anticrimine e Capo di Gabinetto, fino al febbraio 2003. Dal marzo 2003 al 2011 svolge le mansioni di Vice Questore Vicario presso la Questura di Como. Con la promozione a Dirigente Superiore, ha assunto l’incarico di Questore di Belluno dal 3 ottobre 2011 fino alla data del nuovo incarico a Varese.

Nel corso della sua carriera lavorativa, il Dr. Ingrassia ha frequentato alcuni importanti corsi, conseguendo le seguenti qualifiche professionali:
Istruttore di tiro di II livello – conseguito nell’anno 1983 presso il Centro Nazionale di Specializzazione e Perfezionamento nel tiro a Nettuno (RM);
Ufficiale qualificato per la difesa N.B.C. – Corso frequentato nel mese di luglio 1984 presso la Scuola Unica Interforze per la Difesa Nucleare-Biologica e Chimica di Roma-Cecchignola;
Nel mese di Dicembre 2002 frequenta il II Corso di aggiornamento per Ufficiali qualificati per la difesa N.B.C.R. presso la Scuola Unica Interforze per la Difesa Nucleare Biologica Chimica e Radiogena di Rieti.

leggi anche
attilio ingrassia
Al fianco dei cittadini
I primi giorni del Questore Ingrassia: “Polizia di prossimità e contatto con la gente per migliorare la nostra sicurezza”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.