IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Patteggiano i rapinatori incastrati grazie ad una dentiera fotogallery

A giudizio c'erano quattro persone: le indagini avevano preso il via dopo il colpo messo a segno alla Carisa di Noli nel luglio 2015

Savona. Si è chiuso con quattro patteggiamenti davanti al giudice Maurizio Picozzi il procedimento relativo all’arresto della banda di rapinatori “traditi” dalla dentiera dimenticata nell’auto usata per un colpo. Claudio Russo, torinese di 42 anni ha patteggiato cinque anni di reclusione e 2600 euro di multa, Roberto Spagnoletti, torinese di 40 anni, una pena di quattro anni e 1800 euro, Giuseppe Prochilo, 45enne di Rivoli, due anni e 600 euro di multa, mentre Raffaele Di Tavi, torinese di 44 anni, tre anni e dieci mesi di reclusione e 1600 euro di multa. Per tutti gli imputati le accuse erano di rapina, ricettazione di auto rubata e detenzione di armi.

Secondo le indagini dei carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Savona, la banda, tra il mese di luglio 2015 ed il mese di marzo 2016, aveva messo a segno dieci rapine in banca tra Liguria e Toscana.

L’indagine denominata “Mirafiori”, coordinata dal pm Chiara Venturi, aveva preso le mosse appunto dal ritrovamento di una dentiera nell’auto che i malviventi avevano utilizzato in occasione del colpo ai danni di un istituto di credito di Chiavari il 23 novembre del 2015.

Sulla dentiera erano state ritrovate tracce di Dna che aveva permesso di risalire all’identità del suo possessore, ovvero Raffaele Di Tavi. Individuato uno dei membri della banda, i carabinieri avevano messo sotto controllo il suo cellulare risalendo poi anche ai suoi complici.

Secondo gli inquirenti i banditi entravano in banca vestiti da finanzieri e con addosso una barba finta per non farsi riconoscere. Armati di pistola, intimavano al personale di farsi consegnare tutto il denaro contenuto nelle casse e poi fuggivano a bordo di auto quasi sempre rubate.

L’indagine era iniziata nell’estate 2015, a seguito della rapina ai danni della filiale di Noli della Cassa di Risparmio di Savona avvenuta il 27 luglio. Quel furto aveva fruttato un bottino di 14 mila 926 euro.

Le altre rapine contestate sono state messe a segno a Marina di Massa il 31 luglio, a Massa il 7 agosto, a Cecina il 28 settembre, a Lucca il 22 ottobre, a Chiavari il 23 novembre, ancora a Cecina il 28 dicembre). Complessivamente, la banda raccolto un bottino di 145 mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.