IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Morte sul lavoro a Bardineto: la condanna a 3 anni e 2 mesi per i fratelli Oddone è definitiva

La Corte di Cassazione ha confermato la sentenza della Corte d'Assise d'Appello che aveva ridotto la pena per omicidio colposo inflitta dal tribunale di Savona

Savona. La Corte di Cassazione ha confermato la sentenza della Corte d’Assise d’Appello di Genova che, lo scorso aprile, aveva parzialmente riformato la sentenza di condanna per omicidio colposo e lesioni colpose inflitta ai fratelli Angelo, Emilio e Maria Nadia Oddone, titolari dell’omonima azienda agricola, che erano finiti a giudizio per l’incidente sul lavoro avvenuto il 27 agosto del 2009 a Bardineto nel quale era morto il loro dipendente Georghe Vladut Asavei ed era rimasto ferito il suo collega Dragan Novakovic.

In secondo grado i fratelli Oddone erano stati condannati a tre anni e due mesi di reclusione (in primo grado, nel maggio del 2015, invece la Corte d’Assise di Savona aveva inflitto loro una pena di sette anni di reclusione), un verdetto che adesso, dopo il pronunciamento della Corte di Cassazione, diventa definitivo.

Nel corso del processo di primo grado il pubblico ministero Giovanni Battista Ferroaveva chiesto la condanna dei fratelli Oddone per il reato di omicidio volontario (sotto il profilo del dolo eventuale) e, solo in subordine, per omicidio colposo in relazione alla violazione delle normative sulla sicurezza sul lavoro. La Corte d’Assise aveva optato proprio per il profilo colposo, ma aveva comunque inflitto una condanna severa agli imputati. Pena che era stata appunto ridotta in secondo grado.

La tragedia era avvenuta mentre Asavei, insieme al collega rimasto solo ferito, stava lavorando con un trattore nel terreno agricolo di proprietà degli Oddone. Il mezzo si era ribaltato e Asavei si era ferito gravemente. L’ipotesi del magistrato è che Emilio, Angelo e Maria Nadia Oddone non prestarono i soccorsi in maniera corretta: quel giorno infatti non fu allertato il 118, ma i feriti furono accompagnati in ospedale con mezzi privati. Una scelta che, di fatto, secondo il pm si rivelò fatale per Asavei che, se soccorso da personale specializzato, poteva essere salvato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.