IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Lupo è salvo (per ora), vince il pressing sul governo: rinviato il provvedimento per la caccia di selezione

Le associazioni esultano dopo giorni di battaglia. Monito: "Non abbasseremo la guardia"

Liguria. Prima battaglia vinta dopo giorni di lotte e manifestazioni per “salvare il lupo”: soddisfazione da parte di animalisti e associazione per l’azione del presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini per aver proposto e ottenuto dal Ministro Galletti il rinvio del provvedimento di abbattimento dei lupi, al fine di studiare possibili alternative rispetto al piano di conservazione all’esame del Governo e che è finito al centro delle polemiche.

Il documento sarà, quindi, rispedito al ministro dell’Ambiente Galletti per ulteriori esami e approfondimenti. Le associazioni esprimono “soddisfazione per questo primo risultato che conferma le posizioni etiche e scientifiche fermamente contrarie all’uccisione dei lupi”. Le associazioni Lav, Lac Lipu, Lndc, Enpa e Animalisti Italiani, che hanno incontrato questa mattina il presidente della Conferenza
Stato Regioni Stefano Bonaccini “ringraziano le Regioni e l’opinione pubblica per l’attenzione dedicata a questa emergenza: la mobilitazione #cacciaunNO continua, manteniamo alta l’attenzione”.

“Sul Piano lupo serve un approfondimento di analisi, alcuni aspetti vanno nella giusta direzione ma altri, come il piano di abbattimento, lasciano molto perplessi” ha detto il vicepresidente della Conferenza delle Regioni, e governatore della Liguria, Giovanni Toti, a margine dei lavori della Conferenza delle Regioni. “Si può operare mettendo in sicurezza il patrimonio agricolo senza strumenti estremi. Tra l’altro non si tratta di numeri significativi, agire in altro modo e’ alla portata” ha concluso il governatore ligure.

lupi

E arrivano anche i primi commenti politici, con un ampio fronte che in questi giorni ha sostenuto la battaglia per tutelare il lupo e chiedere modifiche al piano: “Per fortuna il Piano Lupo, che prevedeva l’abbattimento di una specie protetta ha subito uno stop grazie alla mobilitazioni delle associazioni ambientaliste e alla nostra petizione su Change.org che sta arrivando alle 190.000 firme” affermano i Verdi.

“Ringraziamo il Presidente della Conferenza Stato Regioni Stefano Bonaccini per aver sposato la nostra battaglia ma la nostra mobilitazione non si ferma qui con la petizione e con il presidio che abbiamo promosso questo pomeriggio alle 16 al Pantheon”.

“Invitiamo le associazioni e i cittadini a proseguire la battaglia anche perché non ci fidiamo del Ministro dell’ambiente Galletti che rappresenta un vero e proprio ossimoro con la sua carica: anche oggi ha giustificato i bracconieri tentando di sponsorizzare il condono per le stragi di lupi” concludono i Verdi.

“Il rinvio del Piano Lupo al 23 febbraio, decisa oggi in Conferenza Stato-Regioni, è una buona notizia, ma non basta. Il Governo stralci subito la norma sugli abbattimenti che trasforma il lupo in un capro espiatorio, usandolo come contentino per i cacciatori e un palliativo per sedare il malcontento di allevatori e agricoltori dovuto a una cattiva gestione da parte della vecchia politica” sottolinea Marco De Ferrari, portavoce MoVimento 5 Stelle Liguria.

“Come MoVimento 5 Stelle Liguria, continueremo a vigilare e a fare pressione a Toti e all’assessore Mai affinché si oppongano a un piano illegittimo nel metodo e privo di qualunque presupposto scientifico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.