IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Foibe, ordine del giorno in Consiglio comunale a Savona: “Un progetto nelle scuole per non dimenticare l’Olocausto italiano” fotogallery

Alle 18:00 in piazza Mameli a Savona è stata posta una corona in memoria dei caduti delle Foibe. Vaccarezza è tornato ad attaccare il presidente Mattarella

Savona. “La tragedia delle Foibe è ancora poco conosciuta nelle scuole savonesi e per questo chiediamo all’amministrazione comunale di proponga il progetto “Viaggio nella civiltà giuliano dalmata” come integrazione speciale dell’offerta formativa a tutte le scuole secondarie di secondo grado del nostro territorio”. La richiesta arriva dai capigruppo di maggioranza in Consiglio comunale a Savona, che hanno presentato, nel Giorno del Ricordo, un ordine del giorno per aumentare la memoria storica su quello che molti hanno definito un vero “Olocausto italiano”.

Savona ricorda la tragedia delle Foibe

Il primo firmatario della proposta è il consigliere comunale Emiliano Martino. Nel documento si afferma: “Le iniziative messe in atto dalle istituzioni scolastiche per ottemperare a quanto previsto dalla legge che ha istituito il giorno del Ricordo sono complessivamente ancora inadeguate ed insoddisfacenti; è necessario pertanto un percorso di conoscenza approfondito della storia del nostro confine nord-orientale e dei territori che furono italiani, oggi croati e sloveni; un percorso formativo e culturale esaustivo può essere ravvisato nel progetto “Viaggio nella civiltà giuliano dalmata”, realizzato dall’amministrazione di Roma Capitale dal 2008 al 2010 con la partecipazione della maggior parte delle scuole superiori del territorio”.

“Questo progetto – aggiungono ancora i firmatari dell’ordine del giorno – ha visto realizzare il primo viaggio (verso i luoghi simbolo delle foibe e dell’Esodo) strutturato con percorsi di formazione dei docenti e laboratori in classe degli alunni, il tutto con il coinvolgimento delle associazioni rappresentative degli esuli. Inoltre, si tratta di un progetto inserito negli annali del MIUR quale riconoscimento della sua valenza istituzionale nazionale”.

Alle ore 18:00, in piazza Mameli, a Savona è stata posta una corona in memoria dei caduti delle Foibe nell’ambito del cerimoniale e delle iniziative previste nel “Giorno del Ricordo”. Alla cerimonia è intervenuto anche il consigliere regionale Angelo Vaccarezza che è tornato ad attaccare il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Il “Giorno del ricordo” in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale è stato istituito con la Legge n.92 del 30 marzo 2004

– Art. 1. della su citata legge si specifica che la finalità è quella di “conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”; che al comma 2 dell’art.1 “sono previste iniziative per diffondere la conoscenza dei tragici eventi presso i giovani delle scuole di ogni ordine e grado. È altresì favorita, da parte di istituzioni ed enti, la realizzazione di studi, convegni, incontri e dibattiti in modo da conservare la memoria di quelle vicende. Tali iniziative sono, inoltre, volte a valorizzare il patrimonio culturale, storico, letterario e artistico degli italiani dell’Istria, di Fiume e delle coste dalmate, in particolare ponendo in rilievo il contributo degli stessi, negli anni trascorsi e negli anni presenti, allo sviluppo sociale e culturale del territorio della costa nord-orientale adriatica ed altresì a preservare le tradizioni delle comunità istriano-dalmate residenti nel territorio nazionale e all’estero”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.