In crescita il turismo a Finale Ligure, + 6,5% nelle presenze: "L'outdoor attira più stranieri" - IVG.it
Dati positivi

In crescita il turismo a Finale Ligure, + 6,5% nelle presenze: “L’outdoor attira più stranieri”

Finale Outdoor Resort Firma

Finale L. L’afflusso turistico nella Città di Finale Ligure e complessivamente nel Finalese a livello statistico ha registrato un 2016 estremamente positivo: è quanto emerge dai dati elaborati dalla Regione Liguria e relativi all’anno appena terminato in rapporto al 2015.

Complessivamente le presenze hanno raggiunto, nell’arco dell’intero 2016, il numero di circa 795.000, a fronte di un totale nel 2015 di 745.000, con un aumento percentuale di più del 6,50%. L’aumento maggiore è stato riscontrato nelle presenze straniere, che sono passate da circa 260.000 del 2015 a quasi 284.000 del 2016 con un incremento del 9% circa. Le presenze italiane, da 485.000 nel 2015 sono passate a 511.500 nel 2016, con un aumento del 5,50%.

I mesi più “virtuosi” sono stati marzo, giugno, luglio ed ottobre. Marzo in virtù del fatto che il periodo pasquale era compreso in quella mensilità: si sono registrate infatti presenze pari a quasi 46.000 a fronte di circa 28.000 presenze nello stesso mese del 2015 con un incremento del 64%.

In giugno è stato registrato un incremento del 4%, con 91.600 numeri nel 2016 a fronte di 88.000 nel 2015. A luglio l’aumento è stato del 4.85% (luglio 2015: 131.600 presenze – luglio 2016: 138.000 presenze), mentre agosto si è attestato sulle presenze dell’anno precedente.

Un rilevante ed inatteso incremento ha registrato ottobre, mese nel quale il tempo è stato particolarmente caldo e clemente. Infatti l’aumento percentuale in questa mensilità è stato pari al 22%, con 44.700 presenze del 2015 che sono passate a 54.500 nel 2016.

Afferma l’Assessore a Turismo e Cultura dell’Unione dei Comuni del Finalese – Città di Finale Ligure, Claudio Casanova: “Si tratta di un importante risultato per il territorio e per tutte le categorie che in esso operano alacremente: il dato registrato nel mese di ottobre è forse il più eclatante in quanto dimostra come sia possibile destagionalizzare i flussi turistici, supportati da un clima particolarmente favorevole, grazie a strategie che promuovano il territorio non solo in virtù della propria vocazione balneare, ma anche grazie al sostegno delle attività e del segmento outdoor, quali nel finalese la MTB, il climbing ed il trekking, punto di forza di un territorio che può essere goduto 365 giorno all’anno”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.