Finti profughi cercano di imbarcarsi da Savona, ma con documenti falsi: tre arresti - IVG.it
Controlli serrati

Finti profughi cercano di imbarcarsi da Savona, ma con documenti falsi: tre arresti

Operazione della polizia marittima di frontiera che ha bloccato tre stranieri prima dell'imbarco per Barcellona

polizia frontiera

Savona. Hanno cercato di imbarcarsi da Savona con il traghetto “Cruise Smeralda” per arrivare a Barcellona, ma sono stati intercettati e fermati dagli agenti della Polizia Marittima di Frontiera in quanto trovati in possesso di documenti contraffatti: in manette sono finiti tre cittadini ghanesi, di 28, 21 e 20 anni.

Gli arresti sono arrivati nell’ambito dei continui controlli di frontiera per gli approdi del traghetto “Cruise Smeralda”, sulla linea Savona-Barcellona-Tangeri: al momento dell’imbarco sul traghetto i tre stranieri hanno esibito tre titoli di viaggio per rifugiati, apparentemente rilasciati dalla Questura di Roma.

Dagli accertamenti eseguiti dai poliziotti, anche con l’ausilio delle apparecchiature tecniche per il falso documentale in dotazione alla Polizia, si è accertata la contraffazione dei documenti: così i tre sono stati bloccati prima dell’imbarco sul traghetto e tratti in arresto dagli agenti per i documenti falsificati. Dopo tutti gli accertamenti del caso e una giornata in camera di sicurezza, i tre stranieri sono stati rimessi in libertà su disposizione del pm di turno Giovanni Battista Ferro.

I controlli dei passeggeri e dei mezzi in arrivo e partenza per Tangeri, accurati e serrati, continueranno da parte della Polizia di Stato in occasione di tutti i prossimi approdi del traghetto e della nuova linea inaugurata lo scorso 26 ottobre.

leggi anche
  • A savona
    Vuole salire sul traghetto per Tangeri, ma su di lui pende una condanna del ’99 a 4 anni: passeggero arrestato
    cruise smeralda
  • Beccati
    Savona, altri due “finti profughi” arrestati mentre tentano di imbarcarsi con documenti falsi
    cruise smeralda

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.