IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Borgio, finto carabiniere e addetto del gas tentano furto in casa ai danni di un anziano

Indagini sulla coppia di ladri: il signore si è accorto dell'inganno in tempo facendo fuggire i due malviventi

Borgio Verezzi. Ci hanno provato, ma questa volta l’anziano ha “mangiato la foglia” ed ha allertato il 112 prima che i “fantasiosi ladri” riuscissero a portare via dalla sua abitazione, in via degli Ulivi a Borgio Verezzi, contanti, preziosi e altri oggetti della casa. E’ successo ieri mattina, quando alla porta dell’anziano, che stava rientrando nell’alloggio con la spesa e il suo amico a “quattro zampe”, si è presentato un finto addetto del gas che voleva controllare la cucina e le valvole dei caloriferi.

L’uomo lo ha fatto entrare, con il malvivente che gli ha chiesto di provare ad accendere i fornelli: nel frattempo un complice (che dopo si spaccerà per un maresciallo dei carabinieri) si è rapidamente intrufolato nell’abitazione portando via due quadri con la cornice d’argento, riuscendo poi ad uscire dal condominio in quanto proprio in quel momento il portone dello stabile era rimasto aperto per la pulizia delle scale.

Il finto addetto del gas, dopo i controlli, è uscito dalla casa, dicendo che sarebbero state necessarie altre verifiche sull’impianto. Un minuto dopo ecco suonare il campanello: era il complice, che si è qualificato come maresciallo della stazione carabinieri di Pietra Ligure, dicendo che aveva con se due quadri che erano stati rubati (i due quadri che poco prima era riuscito a prendere dall’alloggio mentre il finto addetto del gas distraeva l’anziano).

Il signore così ha aperto la porta e si è trovato di fronte un uomo, in borghese, che però non aveva con se, stranamente, il tesserino di riconoscimento: con grande sorpresa dell’anziano aveva in mano i due quadri che fino poco prima si trovavano regolarmente appesi nella sua camera da letto. A quel punto si è insospettito, anche perché quando il finto carabiniere ha chiesto all’anziano di compilare il verbale per la restituzione della fittizia refurtiva l’altro, il finto addetto del gas, era pronto ad entrare in azione, appostato sulla porta, con l’obiettivo di prelevare dall’abitazione altri oggetti, contanti o preziosi.

Qualcosa non tornava, così l’anziano ha fatto finta di chiamare il figlio, ma in realtà la telefonata era diretta al 112 con la richiesta di intervento dei veri carabinieri. Vedendo che il signore ci stava impiegando tanto tempo, i due malviventi, per paura di essere scoperti e presi, si sono poi allontanati rapidamente facendo perdere le proprie tracce.

Secondo la descrizione fornita dall’anziano, che ha poi presentato regolare denuncia, si tratta di due uomini sui 35-40 anni, corporatura media: ora sono in corso accertamenti e indagini per risalire alla coppia di ladri che ha preso di mira l’anziano di Borgio Verezzi. Naturalmente, l’invito alle persone anziane, che vivono sole, è sempre quello di non aprire a nessuno e di non fidarsi di ingannevoli controlli o verifiche tecniche nelle proprie abitazioni: in caso di incertezza chiamare subito le forze dell’ordine.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.