IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Yacht a fuoco a Loano, i tre tedeschi sono morti per asfissia a causa del fumo fotogallery video

A stabilirlo l'esame autoptico effettuato oggi pomeriggio dal medico legale Marco Canepa

Loano. L’inchiesta sulla tragedia avvenuta all’alba di giovedì scorso nel porto di Loano procede spedita. Nel pomeriggio di oggi sono state effettuate dal medico legale Marco Canepa le autopsie sulle tre vittime, Jurgen Simon, la moglie Beata Simon, e l’amico Andre Bachtenkirch. L’esame autoptico ha confermato che i tre tedeschi rimasti imprigionati nello yacht Southern Comfort in fiamme sono morti per asfissia.

Secondo quanto emerso dall’esame autoptico, la grande quantità di fumo che ha completamente invaso la barca ha portato i tre stranieri a perdere i sensi. Ciò avrebbe impedito loro di raggiungere i portelloni e quindi di mettersi in salvo. La lunga esposizione ai fumi prodotti dall’incendio è stata quindi la causa che ha determinato la morte dei tre tedeschi.

In seguito, il fuoco li avrebbe in parte raggiunti provocando loro alcune ustioni di secondo e terzo grado. La morte, comunque, non sarebbe affatto dovuta al fuoco, ma al fumo che li ha asfissiati. Il medico legale ha effettuato anche alcuni prelievi istologici volti a stabilire la tipologia di fumi inalata dalle tre vittime. I tre corpi saranno sottoposti anche a esami tossicologici più specifici.

Oltre a stabilire la causa della morte, l’esame effettuato oggi da Canepa ha permesso di identificare con assoluta certezza le salme: sui tre corpi, infatti, sono stati ritrovati oggetti personali che hanno consentito di confermare in maniera definitiva le generalità delle tre persone.

Se il dottor Canepa ha messo i primi punti sulle cause della morte delle vittime del terribile incendio dello yacht Maiora 22, spetterà ai consulenti tecnici nominati dal dottor Massimiliano Bolla stabilire cosa ha innescato il rogo e se nell’imbarcazione tutti i sistemi di sicurezza erano a norma.

Il pm ha affidato il compito di effettuare l’accertamento tecnico agli ingegneri Riccardo Damonte e Massimo Gronda dello studio tecnico navale Ansaldo di Genova. I due specialisti nelle prossime ore inizieranno il lavoro di ispezione sul relitto del Southern Comfort che al momento si trova in secca, ovviamente sotto sequestro, nella Marina di Loano.

Scopo dell’autopsia e della consulenza tecnico-ingegneristica serviranno a fare luce sulla tragedia, costata la vita ai tre cittadini tedeschi, e stabilire eventuali responsabilità.

Il nodo intorno al quale ruoterà l’indagine per omicidio e incendio colposo è appunto stabilire le cause del rogo che, secondo i primi accertamenti, si sarebbe sviluppato sottocoperta, nel cuore della barca, proprio accanto alla zona delle cabine dove dormivano le vittime, Jurgen Simon, Beata Simon, Andre Bachtenkirch, e l’unica sopravvissuta alla tragedia, Claudia Manhcake. Al momento nessuna ipotesi viene esclusa anche se la più accreditata sembra essere quella di un cortocircuito.

Secondo la testimonianza della superstite, che è stata ascoltata a lungo dal pm, nessuna stufetta elettrica (anche se erano presenti sull’imbarcazione) era stata lasciata accesa nella notte. Gli inquirenti hanno anche accertato che il Southern Comfort era collegato alla colonnina di alimentazione elettrica del posto barca e anche su questo aspetto saranno effettuate le opportune verifiche. Dubbi sono stati sollevati anche sul sistema antincendio che all’interno di barche di quelle dimensioni dovrebbe essere installato. Se c’era, perché non è entrato in funzione?

Inoltre, accanto all’inchiesta giudiziaria si aprirà anche quella tecnica per sinistro marittimo della Capitaneria di porto di Loano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.