Savona, a ottobre la prima rievocazione storica delle battaglie napoleoniche - IVG.it
Indietro nel tempo

Savona, a ottobre la prima rievocazione storica delle battaglie napoleoniche

Si terrà il 15 ottobre e ricostruirà gli eventi della la campagna del 1795, che vedeva contrapporti i francesi e gli austriaci e i loro alleati

Savona. Una rievocazione storica che interesserà le vie e le strade del centro cittadino e anche e soprattutto la fortezza del Priamar, che tra il 1785 e il 1800 fu teatro di alcuni importanti scontri tra austriaci e francesi. E’ questa l’iniziativa a cui stanno lavorando l’amministrazione comunale di Savona e dalla “51eme Demi Brigade de Bataille”, associazione specializzata nel re-enactement presieduta da Andrea Puleo e che già si occupa di organizzare gli eventi simili di Loano e Toirano.

La manifestazione si terrà il 15 ottobre e cercherà di ricostruire gli eventi che si sono svolti durante la campagna del 1795 e che vedeva contrapporti i francesi e gli austriaci e i loro alleati. La campagna del 1795 era cominciata con serie intenzioni da parte degli alleati: a marzo avevano tenuto a Milano un consiglio di guerra al quale avevano partecipato i generali austriaci Wallis e Schmidt, i piemontesi Colli-Marchini e La Tour e per l’Inghilterra l’ammiraglio Goodal.

Secondo il Piano Simbschen prevedevano di avanzare da Cuneo su Tenda, da Mondovì su Ponte di Nava ed Ormea, da Ceva sul San Bernardo, da Acqui su Savona, dalla Bocchetta (passo dei Giovi) su Voltri con l’appoggio della flotta inglese sul litorale. Comandante in capo era il Feldmaresciallo De Vins con due corpi d’armata. Wenkheim con le brigate Rukavina, Terney, Pittoni, Liphtay e Turkheim con le brigate Cantù, Fischer e Cuto oltre il corpo piemontese del Colli-Marchini.

Gli austriaci erano a Dego il 10 maggio, a Carcare, Pallare, Mallare e Montenotte il 16 maggio. I piemontesi erano a Murialdo e Montezemolo. I francesi, comandati da Scherer, avevano soltanto due divisioni: Sérurier a Ponte di Nava, Settepani, San Bernardo, e Masséna con la brigata Cervoni al Colle del Melogno e la brigata La Harpe a Segno e Vado.

Il 20 giugno le avanguardie di ulani della brigata Liphtay scesero da Cadibona a Legino e sui scontrarono a Zinola con gli ussari della brigata La Harpe: vennero respinte fino a Lavagnola e risalirono. Il 24 giugno gli austriaci erano a Monte Ciuto e alla madonna del Monte. La brigata Liphtay scese a Lavagnola ed assediò il forte del Priamar. La brigata Rukavina scese a Legino: il 25 affrontò la testa di ponte oltre il Quiliano a Zinola ed il 26 obbligò i francesi a ritirarsi verso Vado sotto la protezione dei cannoni del forte.

Intanto Liphtay trattava col comandante della fortezza di Savona, Doria, a proposito di un reparto francese rimasto appiattato nel fossato. Si trattava di un ospite indesiderato, ma tollerato, in quanto non violava la neutralità disarmata oltre il fossato della fortezza. La presenza degli austriaci faceva temere una zuffa, che fu evitata diplomaticamente con un accorto, in virtù del quale i francesi poterono raggiungere il porto ed imbarcarsi il 26 giugno. Sbarcarono il 27 a Vado e si ricongiunsero agli altri, coi quali si ritirarono gradatamente verso ponente, intimoriti dalla presenza di ingenti forze di cavalleria austriaca e napoletana. Senza essere molestati, si ritirarono oltre Loano, attestandosi dietro il torrente Varatella a Borghetto e a Toirano, protetti dal colle del Melogno e da Calizzano.

Dal 6 al 13 luglio la guerra marittima vide dapprima 17 vascelli francesi obbligare a ritirarsi verso la Corsica 5 inglesi che bloccavano la costa. Ma da Santa Fiorenza uscì la squadra dell’ammiraglio Hotham che li respinse ed inseguì fino a Fréjus. Il 26 agosto il post-captain Orazio Nelson, col vascello Agamennon e sei fregate, fece uno sbarco a sorpresa ad Alassio.

Toirano, al via la rievocazione storica

Il 15 ottobre di quest’anno, quindi, nel centro storico e soprattutto sul Priamar i figuranti della “51eme Demi Brigade de Bataille” ricostruiranno gli eventi avvenuti nel 1795, quindi in un periodo ancora antecedente alla più famosa battaglia di Loano del 1796. Il programma è ancora in fase di definizione, così come i vari dettagli della manifestazione. Ma i preparativi per far riportare Savona indietro nel tempo, alla scoperta di uno dei capitoli forse meno noti della sua storia, sono già iniziati.

leggi anche
Toirano, al via la rievocazione storica
Cannoni e fucili
Toirano, successo per la rievocazione della battaglia napoleonica della Certosa
battaglia napoleone bonaparte
A la guerre
Spari sulla spiaggia di Loano, Napoleone conquista la Liguria

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.