Braccia incrociate

Savona, lavoratori Tpl di nuovo in sciopero: lunedì stop ai bus

Alle 10,30 è previsto un presidio sotto la Prefettura, i sindacati: "Bisogna scongiurare il pericolo di sottrarre ai cittadini il diritto alla mobilità"

Savona. Sarà un lunedì nero per il trasporto a Savona: i dipendenti di TPL Linea infatti scioperano nuovamente per 24 ore con un presidio davanti alla Prefettura di Savona a partire dalle ore 10.30.

“Le motivazioni che ci portano a questa protesta sono: il mancato contributo della Provincia e del Comune di Savona necessario per garantire la prosecuzione del servizio. Le mancate risposte della Provincia sulla cessione delle quote di sua proprietà, le mancate garanzie sull’unicità del lotto per la gara di affidamento del servizio al nuovo gestore e le mancate risposte sulla redazione del bando circa la presenza di elementi quali la clausola sociale che garantisca i livelli occupazionali e i livelli reddituali” spiegano dalle segreterie di Fila Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Faisa Cisal.

“Rivendichiamo le assunzioni previste dall’accordo siglato all’unione industriali sul ‘fondino’. La necessità che la Regione intervenga per sanare una situazione resa ancor più complicata dalle modifiche della legge Regionale, che hanno scaricato sulla Provincia competenze, non curandosi della disponibilità delle risorse. Per questo chiediamo udienza al Prefetto affinché si faccia portatore delle nostre richieste presso la Provincia, il Comune di Savona e la Regione, per scongiurare il pericolo di sottrarre ai cittadini il diritto alla mobilità” concludono i sindacati.

Più informazioni
leggi anche
sciopero tpl
Bilancio della protesta
Sciopero Tpl e Ata, i lavoratori ricevuti in Comune e Prefettura
protesta tpl
Ancora protesta
I lavoratori di Tpl Linea “bloccano” Savona: “Servizio a rischio, pronti a proseguire la lotta”
protesta tpl
Faccia a faccia
Tpl Linea: a Palazzo Nervi il vertice tra sindacati, Provincia e Comune di Savona

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.