Albisola, inaugura il "giardino dei nonni" realizzato grazie a decine di donatori - IVG.it
L'unione fa la forza

Albisola, inaugura il “giardino dei nonni” realizzato grazie a decine di donatori

E' nella Residenza Protetta Comunale “SS. Nicolò e Giuseppe” e permetterà agli ospiti della struttura di avere uno spazio esterno accogliente, sicuro e collegato con il mondo circostante

residenza protetta albisola

Albisola S. Domani, alle ore 10,30 si terrà l’inaugurazione del nuovo giardino della Residenza Protetta Comunale “SS. Nicolò e Giuseppe” di Albisola Superiore, frutto di un progetto formulato e portato avanti dal Consigliere Comunale Incaricato Calogero Sprio con la collaborazione di diversi uffici comunali e di molte persone individuate nel territorio.

“L’inaugurazione sarà l’occasione per festeggiare un duplice risultato: da una parte la realizzazione stessa del giardino che cambierà la qualità di vita degli ospiti della Struttura offrendo loro uno spazio esterno accogliente e protetto e, al tempo stesso, collegato con il mondo circostante, essenziale per tutti coloro che non sono in grado di deambulare autonomamente; dall’altra il fatto che questo sia stato possibile grazie ad una sensibilità molto importante espressa sia all’interno della realtà interessata che nell’ambito di tutto il territorio circostante” spiega proprio Calogero Sprio.

“L’estrema varietà di finanziatori sarà indicata da una lastra in alluminio che verrà posizionata sul perimetro del nuovo giardino, ma fra i principali donatori è possibile menzionare la Fondazione “De Mari”, le Conad delle Albissole, Coop Liguria, la Cooperativa Sociale Il Sestante e il CRCS di Luceto, 86 commercianti, 157 cittadini. Per questa ragione uno degli obiettivi dell’inaugurazione è quello di ringraziare pubblicamente tutti coloro che hanno contribuito a raccogliere la cifra complessiva di 22.489,77 euro manifestando, in qualche caso, anche una disponibilità a collaborare per la realizzazione di nuovi futuri progetti a beneficio degli ospiti della Residenza Protetta” aggiunge il consigliere comuinale.

“Il fatto che una parte dei costi sostenuti per quest’opera sia stata coperta da fondi comunali, ed in particolare quello relativo all’abbattimento delle barriere architettoniche, ha consentito da un lato di accantonare circa 3600 euro per la realizzazione di un pergolato che permetterà la piena fruibilità dell’area anche nella stagione calda; dall’altra di convogliare oltre 4000 euro sul progetto di installazione dell’impianto antincendio all’interno di tutta la Struttura; questi, uniti a circa 14.000 euro di residuo del lascito Siccardo e a 2500 euro + iva di un ulteriore contributo di queste ultime settimane, (che porta a superare i 25.000 euro complessivi di contributi raccolti) erogato dalla Cooperativa Sociale Il Sestante, ha consentito di avviare proprio in questi giorni anche questo intervento, incrementando ulteriormente la sicurezza nei confronti degli ospiti, dei lavoratori e dei visitatori all’interno della Struttura” spiega il Sprio.

“L’appuntamento di sabato sarà caratterizzato anche da un altro aspetto importante che riguarderà l’intitolazione del nuovo giardino a Beppe Parodi, persona molto nota e amata dagli abitanti della zona di Superiore con i quali lui aveva mantenuto un rapporto significativo fino a che non è venuto a mancare dopo aver vissuto per circa 25 anni nella Residenza Protetta Comunale; verrà a questo riguardo posizionata, sulla stessa parete del giardino, una targa prodotta dalla Scuola di Ceramica Comunale ed in particolare dalla decoratrice Marilisa Vrani, la quale ha riprodotto un disegno che Beppe periodicamente era solito eseguire; questa scelta non è legata soltanto alla popolarità di cui godeva questa persona ma piuttosto il fatto che egli era al tempo stesso parte di due diverse ‘comunità’: quella relativa alla Struttura che lo ospitava e quella dello spazio sociale di cui non ha mai smesso di far parte; questa sua caratteristica riprende un po’ una funzione che in qualche modo è ora attesa dal giardino quale elemento di collegamento e di ‘ponte’ fra la vita interna all’RP e quella al di fuori” aggiunge il consigliere comunale.

“Considerati tutti questi aspetti molto significativi l’Amministrazione Comunale auspica che vi sia la più larga partecipazione possibile e sottolinea che l’atmosfera sarà allietata da un piccolo rinfresco offerto dall’associazione S. Isidoro e da un intrattenimento musicale a cura dell’Accademia Musicale Albisolese” aggiunge il consigliere Sprio, impegnato da oltre venti anni ad operare nell’ambito territoriale della salute mentale e dell’associazionismo.

“Quando attorno ad un progetto di natura sociale si uniscono le forze di più persone raggiungi traguardi impensabili e, al tempo stesso, contribuisci a creare una cultura della cooperazione e del reciproco sostegno” conclude il consigliere comunale.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.