IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, in Duomo arriva il presepe multietnico realizzato dai bimbi delle scuole fotogallery

E' stato inaugurato alla presenza del Vescovo e rappresentanti della comunità musulmana e induista: "E' la dimostrazione che è possibile convivere in pace e serenità"

Savona. Un presepe multietnico realizzato dai bimbi delle scuole cittadine. E’ quello inaugurato questa mattina nel Duomo di Savona grazie ad un’iniziativa del progetto scolastico multiculturale sul dialogo interreligioso dal titolo “Francesco e Kamil”.

Savona, "Francesco e Kamil": in Duomo arriva un presepe multietnico

Gli alunni delle scuole di Savona nelle ultime settimane hanno lavorato intensamente per creare statuine e pastorali che rappresentassero le diverse religioni e culture. Questa mattina il presepe multietnico è stato sistemato nella cattedrale cittadina alla presenza dell’assessore Pietro Santi in rappresentanza del Comune, del vescovo Lupi, del presidente comunità islamica ligure Zahoor Ahmad Zargar, della monaca induista Hamsananda, rappresentante dell’Unione Induista Italiana e di alcuni nonni della Residenza Protetta del Santuario che hanno collaborato con i bimbi nel realizzare i pastorelli.

In occasione della presentazione del presepe una band ha accompagnato i canti dei ragazzi che hanno anche letto in arabo, inglese e italiano le lettere di una scuola di Betlemme, gemellata con le scuole di Savona.

“E’ importante questo lavoro con i bambini perché sono proprio questi piccoli gesti che li fanno crescere. Questo clima di fiducia reciproca e di incontro possono veramente creare un futuro migliore in cui la gente possa comprendersi, aiutarsi, capirsi e collaborare” il commento del Vescovo di Savona Vittorio Lupi.

Soddisfatto dell’iniziativa anche l’assessore Pietro Santi: “Siamo quasi alla vigilia del Santo Natale e credo che meglio di così non si potesse preparare. Il Natale è un segno di pace e noi chiaramente auspichiamo una pace futura per tutto il mondo e, anche alla luce dei recenti tristi episodi accaduti a Berlino, credo che il messaggio di questi bambini sia veramente importante e possa fare sperare in un futuro migliore”.

“Un altro mondo è possibile e inizia proprio quando le diverse comunità e religioni iniziano a lavorare insieme. Far cadere i pregiudizi vuol dire anche essere qui con tutti questi bambini nei giorni di festa. Questo dimostra che si può vivere insieme in pace, fraternità e serenità” ha sottolineato Zahoor Ahmad Zargar.

Anche la monaca Induista e rappresentante dell’Unione Induista Italiana Svamini Hamsananda: “E’ un messaggio di pace che in questo Natale che è alle porte ci ricorda quanto sia importante custodire le festività religiose perché sono un modo attraverso il quale è possibile fare conoscenza dell’altro. Attraverso la sensibilità religiosa è possibile avvicinarsi e quindi anche sviluppate la pace che è dentro di noi. Che ci sia pace dentro di noi, vicino a noi e in tutto il mondo è una delle preghiere con cui si iniziano e si finiscono sempre le pratiche dell’induismo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.