Maltrattamenti anziani, Il Faggio: "Noi parte lesa, ci costituiremo parte civile" - IVG.it
Posizione

Maltrattamenti anziani, Il Faggio: “Noi parte lesa, ci costituiremo parte civile”

protesta faggio presidio

Savona. “Stiamo valutando se costituirci parte civile”. E’ questa la prima dichiarazione da parte del presidente della Cooperativa Il Faggio, Danilo Pisano, in merito ai fatti imputati ai tre lavoratori della Rsap, Cicalotto, struttura che consta circa una trentina di operatori impiegati.

“Comunichiamo che per due delle tre persone coinvolte avevamo già preso i dovuti provvedimenti sulla base di segnalazioni scritte – continua Pisano -. Preciso, inoltre, che in passato avevamo già licenziato alcune unità di personale su cui avevamo avuto delle segnalazioni riguardanti atteggiamenti verbali poco professionali ed altre persone per assenze ingiustificate. Porto ad esempio questi fatti, per evidenziare come l’attenzione ai comportamenti di chi opera nelle strutture sia una delle cose su cui poniamo molta attenzione”.

“Abbiamo dato la massima disponibilità alla collaborazione con le forze dell’ordine. Fatti di questa gravità, da noi, non si sono mai verificati e francamente non avremmo mai immaginato di doverli affrontare”.

“Cerchiamo, da sempre, di aggiungere più figure organizzative e di gestione, nelle strutture, rispetto a quanto prescriva la legge, proprio perché coscienti che nel nostro settore l’attenzione ai processi di controllo sia sempre da tenere elevata. Stiamo aprendo una rigida indagine interna a partire dalla catena gestionale della struttura. Fatti del genere meritano reazioni ferme ed inequivocabili. Le adotteremo” conclude Pisano.

Più informazioni
leggi anche
Auto guardia di finanza fiamme gialle
L'indagine
Anziani maltrattati in una struttura gestita da “Il Faggio”: tre arresti
violenze anziani
L'indagine
Violenze nella struttura de “Il Faggio”, ecco il video e le immagini shock dei maltattamenti

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.