Botti di Capodanno, Cobas: "Giuste le ordinanze dei sindaci, rispetto per le persone" - IVG.it
No ai botti!

Botti di Capodanno, Cobas: “Giuste le ordinanze dei sindaci, rispetto per le persone”

botti

Val Bormida. “Riteniamo giuste le ordinanze dei sindaci di Altare e Millesimo, Savona e molti altri Comuni, che vietano botti di Capodanno illegittimi. La circolare del Ministero dell’Interno si riferisce a botti illegittimi, ma tali manifestazioni devono essere autorizzate. Il problema non sono solamente gli animali, che è noto possano subirne solo danni, ma il disturbo alla quiete privata e pubblica delle persone previsto dalla legge”. Lo afferma Cobas utenti Valbormida in vista del consueto rituale dei botti e petardi di Capodanno con numerosi sindaci savonesi che hanno firmato le rispettive ordinanze.

“Non contestiamo manifestazioni autorizzate, se avvengono appunto da parte di associazioni e con modalità accettabili, ma non con il disturbo per ore e ore delle persone. Ad esempio, a Cairo Montenotte, il rischio è che si sparino botti e fuochi di artificio in luoghi pubblici, come piazza della Vittoria, che si trova in mezzo ai palazzi e vicino alla Casa di Riposo per Anziani Luigi Baccino. Non vorremmo che vi fossero nuovamente ore di botti, che vanno a colpire non la volontà di festeggiare l’arrivo del nuovo anno, ma le persone sfortunate, quelle che restano a casa per problemi economici, persone molto anziane, malati,invalidi, disabili, neonati”.

“E’ qui necessaria una ordinanza, come ad Altare e Millesimo, che vieti tali botti, precisando le sanzioni anche penali che sono previste. Se vi saranno spettacoli autorizzati, si presume che si faranno in un altro luogo” conclude Cobas Utenti Val Bormida.

leggi anche
  • E ora?
    Fuochi d’artificio e petardi: le ordinanze anti-botti dei sindaci potrebbero non avere validità
    botti capodanno

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.