IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Varazze tre incontri per spiegare come differenziare meglio

Nuovi “cassonetti ad accesso controllato” vengono installati in punti strategici della città

Varazze. Richiamare le modalità del nuovo sistema di raccolta rifiuti, ricordando che lo stesso prevede il conferimento del rifiuto, differenziato per tipologia, in cassonetti stradali ad accesso controllato apribili tramite l’utilizzo di tessera elettronica nominale. Per questo motivo l’amministrazione comunale di Varazze in collaborazione con la Sat Spa, che gestisce il servizio in città, propone tre incontri con la cittadinanza. Il primo appuntamento è per il 17 novembre al Palazzetto dello Sport, quindi il 25 novembre alle ex scuole della frazione Pero, quindi al circolo della frazione di Alpicella il 6 dicembre.

Su tutto il territorio comunale di Varazze è in corso il nuovo servizio di raccolta dei rifiuti differenziati. Si sta provvedendo alla sostituzione dei vecchi contenitori con il posizionamento dei nuovi “cassonetti ad accesso controllato” nelle zone litoranee ancora sprovviste, proseguendo progressivamente in tutte le frazioni.

La partecipazione al corso di compostaggio  e’ obbligatoria e costituisce requisito per coloro che hanno fatto istanza per avere in comodato d’ uso gratuito la compostiera da parte del Comune tramite Sat. La compostiera potrà essere successivamente ritirata, se in possesso dei requisiti previsti, dopo la firma dell’atto di comodato d’uso gratuito presso lo sportello della ditta in via largo Alpini d’ Italia.

Nel corso verrà trattata una parte teorica, in cui si spiegherà ai partecipanti che cosa è il compost, da cosa deriva e come si ottiene con cenni anche sulle caratteristiche qualitative del compost ; una pratica, in cui si illustreranno metodi di utilizzo dei composter.

È una valida occasione per imparare l’arte del compostaggio domestico, un metodo che, imitando il ciclo della natura, permette di ottenere dalla decomposizione della frazione “umido” dei rifiuti urbani un terriccio ottimo per il giardinaggio.

Il “Compostaggio domestico” permette di ottenere importanti benefici ambientali ed economici: permette di ridurre le quantità di rifiuti organici conferiti in discarica, recupera e trasforma il rifiuto organico che diventa materiale fertilizzante per il proprio orto o giardino; permette di abbattere C02 perché non vengono impiegati mezzi di trasporto per la raccolta del rifiuto.

L’ Assessore Baccino rende noto che si e registrata una significativa richiesta di compostiere da parte della cittadinanza, dimostrando quindi una positiva attenzione al tema.

Gli utenti che svolgono la pratica di “Compostaggio domestico” possono ottenere una riduzione del 10% della tassa rifiuti, come da regolamento, tramite autocertificazione da presentarsi all’ufficio protocollo, con modulo disponibile presso l’ufficio tributi.

“Per agevolare l’utente, i cassonetti del precedente servizio in oggetto di rimozione saranno preventivamente contrassegnati da apposito volantino indicante le tempistiche per la loro sostituzione”, fanno sapere dal Comune. I cassonetti stradali ad accesso controllato sono destinati alla raccolta di umido (rifiuto organico), imballaggi in plastica e in alluminio, carta/cartoncino – secco residuo (rifiuto indifferenziato). Per il conferimento del vetro si continuerà ad utilizzare il vecchio sistema con campane di colore verde e cassonetti già posizionati sul territorio.

“La tessera od il ciondolo aprono indistintamente ogni cassonetto per cui il conferimento può essere fatto in qualsiasi postazione presente sul territorio comunale”, spiegano alla Sat Spa. Per coloro che non avessero ancora provveduto ci si può rivolgere al gestore del servizio presso il proprio sportello situato al piano terra del Palazzetto dello sport comunale, in largo Alpini d’Italia (aperto dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore 13.00 – numero verde 840 000 812), per il ritiro della tessera/ciondolo suddetti e per il kit di raccolta dell’umido (contenitore sotto-lavello e sacchetti in materiali riciclabile).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.