IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scatta la seconda fase dell’interruzione Fs, tornano i treni ma si viaggia ancora in bus

I viaggiatori devono ancora sopportare disagi in vista dell'apertura della nuova linea tra Andora e San Lorenzo

Albenga. Obiettivo contenere al massimo i disagi mentre sono in corso i lavori propedeutici al raddoppio della linea ferroviaria del ponente. Oggi scatta la seconda fase degli interventi che andrà appunto dall’11 al 27 novembre con la prosecuzione dei lavori nella galleria tra Andora e Laigueglia, ma la rete ferroviaria potrà funzionare più a ponente in alcune ore della giornata. In particolare i I treni circoleranno tra Ventimiglia e Diano Marina, mentre i bus viaggeranno verso Albenga e viceversa.

Prevista poi una terza e ultima fase: dal 28 novembre al 10 dicembre. Tutta la tratta sarà interrotta anche perché saranno necessarie le ultime prove statiche e tecniche per aprire la nuova linea raddoppiata a monte tra San Lorenzo e Andora. Dunque, in quel periodo, non circolerà nessun treno, ma solo i bus.

Trenitalia garantirá comunque le corse degli autobus tarate a seconda del numero degli utenti tradizionali dei treni. Come sempre alle fermate ci sarà il personale dell’azienda per il controllo dei passeggeri e per fornire informazioni. Si cercherá di garantire gli stessi orari del treno anche se su gomma i tempi di percorrenza saranno variabili come in occasione della prima fase.

“Lo sforzo comune di tutti i soggetti coinvolti – ha spiegato l’assessore Berrino – è sempre quello di ridurre al minimo i disagi, comunque inevitabili. Se inizialmente l’interruzione ferroviaria sarebbe dovuta durare oltre 50 giorni, grazie al lavoro di riprogrammazione svolto da Rfi si è scesi a 41 giorni, comprendendo anche il rifacimento del ponte sul Rio Borghetto e soprattutto il raccordo tra l’attuale linea ferroviaria e il raddoppio San Lorenzo-Andora. Per tutte queste fasi – precisa l’assessore – Regione con Rfi e Trenitalia ha previsto un servizio di bus sostitutivi”.

Dal Comitato pendolari di Trenitalia hanno giá fatto sapere che il controllo sull’efficienza del servizio continuerà attraverso il canale Whatsapp che è stato aperto già durante la prima fase degli interventi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.