IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Porta i figli a scuola e lascia il fratellino di 2 anni e mezzo solo in casa, lui cade dalla finestra: mamma prosciolta

L'episodio risaliva al 2011: la donna inizialmente era stata accusata di abbandono di minore, ma il giudice ha riqualificato il reato in lesioni colpose

Più informazioni su

Albenga. Aveva lasciato il suo bimbo di due anni e mezzo solo in casa mentre lei accompagnava i suoi fratellini a scuola. Durante l’assenza della mamma però il piccolo era caduto dalla finestra di casa, al primo piano di una palazzina di Albenga, procurandosi delle lesioni, fortuntamente, non gravi. Per questo la signora, una quarantenne di origini marocchine, era finita a giudizio con l’accusa di abbandono di minore.

Questa mattina il processo che la vedeva imputata si è chiuso con una sentenza di non luogo a procedere per remissione di querela. Il giudice ha infatti riqualificato la contestazione mossa alla donna nel reato di lesioni colpose (non procedibile d’ufficio alla luce dell’entità delle ferite del bimbo) e, vista l’assenza di querela, l’accusa è caduta.

L’episodio contestato risaliva al 28 novembre del 2011. Nel corso del processo è emerso che la mamma aveva lasciato il bimbo a dormire nel suo lettino e si era allontanata per pochi minuti. Quando stava rincasando, un vicino le era corso incontro per avvisarla della presenza, in mezzo alla strada, del figlio. Fortunatamente il piccolo, al di là di una ferita vicino alla bocca, stava bene tanto che, sulle prime, la madre non aveva realizzato fosse caduto dalla finestra.

Una volta compreso come fosse arrivato nella via, la signora lo aveva portato in ospedale per una visita. I sanitari lo avevano dimesso con una prognosi di 20 giorni (aveva subito un forte trauma alla tibia) ed avevano però fatto partire una segnalazione alla Procura. Di qui l’apertura del fascicolo per abbandono di minore nei cofronti della donna marocchina, difesa dall’avvocato Carlo Manti, che era sfociato nel rinvio a giudizio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.