IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Liguri alla guida: i savonesi sono quelli che stanno meno al volante ma corrono di più

E' quanto emerge dall’Osservatorio UnipolSai sulle abitudini al volante degli italiani nel 2015

Liguria. La Liguria è la regione italiana in cui si percorrono meno chilometri annui (solo 10.199 contro una media nazionale di 12.321) ed è anche la regione in cui l’auto è utilizzata meno (soli 249 giorni l’anno rispetto ai 283 giorni medi del resto della penisola).

E’ quanto emerge dall’Osservatorio UnipolSai sulle abitudini al volante degli italiani nel 2015, realizzato in seguito all’analisi dei dati di circa 3 milioni di automobilisti assicurati UnipolSai che installano la scatola nera sulla propria autovettura, settore nel quale la compagnia è leader in Italia e in Europa per numero di apparecchi installati.

Lo studio di UnipolSai, prima compagnia in Italia nel Ramo Danni, in particolare nell’Rc Auto, evidenzia un trend significativo di riduzione dell’utilizzo dell’automobile in regione: nel 2015 i liguri hanno infatti percorso in media 250 km in meno rispetto ai 10.453 percorsi lo scorso anno.

Genova e Imperia sono le province in cui si utilizza l’auto meno l’auto (rispettivamente 238 e 240 giorni) e in cui si percorrono meno chilometri annui al volante (rispettivamente 9.842 e 10.001 chilometri). La Spezia è la provincia ligure in cui l’auto è maggiormente utilizzata (273 giorni), valore comunque inferiore alla media italiana di 283 giorni e la provincia in cui si percorrono più chilometri (10.908), oltre 1.000 in più rispetto a Genova. La provincia di Savona occupa il secondo gradino del podio con 255 giorni di utilizzo e 10.55 chilometri percorsi ogni anno.

I liguri trascorrono mediamente un’ora e 23 minuti l’anno al volante, percorrendo in media 41 chilometri al giorno, guidando a una velocità media di 29,7 km/h, in linea con la media italiana di 29,4 km/h. Delle quattro province liguri, Savona è quella in cui si guida meno (solo un’ora e 19 minuti al giorno). In cima al podio c’è La Spezia (un’ora e 25 minuti) , poi a pari merito Genova e Imperia (con un’ora e 23 minuti). I savonesi sono anche i conducenti che vanno “più forte”, con una velocità media di 31,5 chilometri orari. Più “lenti” a Imperia (30,1), Genova (29,7) e La Spezia (28,4).

“I dati dell’Osservatorio – sottolinea Enrico San Pietro, vice direttore generale area danni e sinistri di UnipolSai – evidenziano come in Liguria l’utilizzo dell’auto sia sensibilmente inferiore rispetto alla media nazionale. In media i liguri percorrono infatti oltre 2.100 chilometri in meno in auto rispetto alla media nazionale. Il minor utilizzo dell’auto può essere spiegato in parte con la propensione all’utilizzo delle due ruote, mezzo di trasporto non censito dall’indagine, e a un elevato tasso di utilizzo del treno rispetto ad altri mezzi da parte dei pendolari a causa delle caratteristiche morfologiche della regione e dalla difficoltà nel trovare parcheggi”.

Così come nel resto d’Italia, è il venerdì il giorno in cui i liguri si spostano maggiormente in auto, mentre il premio di città più “nottambula” spetta a Imperia con il 4,49 per cento dei chilometri complessivi percorsi durante la notte, mentre a Savona si tende a usare meno l’auto tra mezzanotte e le 6 del mattino (4,11 per cento dei chilometri totali).

Il numero di scatole nere in Italia ha raggiunto circa 4 milioni di unità, di cui UnipolSai detiene circa il 60 per cento, un apprezzamento legato non solo per la possibilità di ottenere uno sconto significativo sull’RCAuto e sulla polizza Furto e Incendio per chi sceglie l’installazione a bordo della vettura.

In caso di incidente, infatti, la scatola nera è in grado di registrare data e orario dell’evento, posizione Gps, velocità del veicolo ed essere in questo modo particolarmente utile in caso di contestazioni, sia in caso di sentenze del giudice sia in caso di multe non dovute. In caso di incidente grave, il dispositivo può inoltre rappresentare un reale strumento “salva vita” in quanto invia automaticamente un allarme alla centrale sssistenza grazie al Servizio di Allarme Crash e, infine, in caso di furto del veicolo, ne facilita il ritrovamento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.