IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cisano tra fango e detriti, la voce degli abitanti: “Siamo un paese a pezzi” fotogallery

Località Maritinetto a Cisano sul Neva completamente invasa da fango e detriti, auto e attività distrutte dall'ondata di piena: ecco le testimonianze

Cisano sul Neva. “Siamo un paese a pezzi, mai vista una cosa del genere: la situazione è davvero drammatica per tante case, garage e sopratutto attività commerciali devastate dalla furia dell’acqua del torrente Neva che ha invaso il nostro territorio”. C’è ancora paura (e oggi rabbia) negli occhi degli abitanti di Cisano sul Neva, il day after l’alluvione che ha letteralmente devastato località Martinetto e creato gravi disagi sulla strada provinciale e sulle strade minori, con il paese rimasto isolato e in preda all’ondata di piena.

Allerta rossa, il day after

“Abbiamo avuto tanta paura e vedere oggi com’è ridotto il nostro paese fa davvero male. E’ stata una pioggia incessante e abbiamo sentito l’ondata di acqua arrivare e che in breve tempo ha allagato tutto. Ci siamo messi in salvo, ai piani alti. E oggi eccoci qua e far la conta di pesanti danni”.

Nella piena di ieri c’è anche chi ha perso tutto: “C’è tanta delusione e rabbia e la voglia sarebbe quella di mollare tutto… – dice con le lacrime un ristoratrice -. Speriamo di avere la forza di rimboccarci le maniche e ripartire, anche se oggi è davvero difficile dirlo. Siamo un paese unito e che si aiuta, serve lo sforzo di tutti per ricostruire e andare avanti”.

Allerta rossa, il day after

“Un vero disastro e la situazione è ancora difficile, senza acqua e con vie impraticabili…” afferma un’altra signora che vive in località Martinetto. “Ora ci aspetta tanto lavoro, con la speranza che possano arrivare aiuti seri, rapidi e concreti per il nostro territorio, che ora più che mai ne ha davvero bisogno”.

“Mai vista una cosa del genere, peggio del ’94 – dice un anziano -. E’ stato un fenomeno eccezionale e ho temuto per il peggio, la forza dell’acqua è stata devastante e ha distrutto e trascinato via quello che trovava…. Adesso l’importante è andare avanti, con l’aiuto di tutti. Prioritario è affrontare le prime emergenze, acqua e strade, in seguito si valuterà il resto” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.