Tra storia e provocazione

Zuccarello vuole l’indipendenza dall’Italia: petizione alla UE

Iniziato l'iter per il riconoscimento dell'autonomia del Marchesato di Zuccarello

Zuccarello chiede l’indipendenza dalla Repubblica Italiana a ha iniziato l’iter di riconoscimento previsto dalla Comunità Europea. La petizione è stata trasmessa questa mattina negli uffici di Bruxelles. “Siamo certi di ottenere un risultato positivo in quanto la documentazione storica in nostro possesso si esprime in tal senso – dice il consigliere comunale di maggioranza Luca Gardella – Questo è il primo passo a cui seguiranno altri step successivi che saranno fatti per il riconoscimento dell’autonomia del Marchesato di Zuccarello” .

“Chiediamo alla comunità europea – prosegue – di esprimersi in favore del ripristino di quanto usurpato nel XVI° secolo ed il riconoscimento di ‘Comune libero’ di quel territorio che è stato impropriamente ed indebitamente privato della propria storica autonomia. Chiediamo alla comunità europea di esprimersi in favore del riconoscimento dei confini del ‘Libero Comune di Zuccarello’ così com’era nel XVI° secolo e come si evince dal documento del 1386 il ‘Lodo di Antonietto Adorni’”.

“Chiediamo alla comunità europea di esprimersi in favore del riconoscimento di Stato Sovrano Autonomo di Zuccarello – insistono dal piccolo comune – chiediamo alla Comunità Europea di farsi promotrice, verso gli altri stati membri della comunità stessa, per il riconoscimento di Zuccarello come Stato Sovrano Autonomo; chiediamo alla comunità europea di accettare favorevolmente la richiesta da parte del prossimo Stato Sovrano Autonomo di Zuccarello di entrare a far parte della stessa comunità europea; chiediamo alla comunità europea di prodigarsi, nei confronti del governo della Repubblica Italiana, inducendo i legislatori ed i funzionari a svolgere celermente quegli atti, legislativi, amministrativi e giudiziari, necessari per affrancare il territorio del nuovo Stato Sovrano Autonomo di Zuccarello dalla Repubblica Italiana”.

E ancora: “Chiediamo alla comunità europea l’istituzione di un’apposita commissione atta a valutare quanto accaduto nel corso dei secoli, quanto subito dai residenti di quello che dovrà tornare ad essere un libero territorio, vessazioni, imposte ed altri abusi subiti da impropri regnanti, e valutare un congruo risarcimento che la Repubblica Italiana dovrà riconoscere allo Stato Sovrano Autonomo di Zuccarello”.

LA STORIA – Zuccarello è sempre stato un territorio conteso. E’ un piccolo comune del ponente savonese, nella regione Liguria, nel nord ovest dell’Italia. L’attuale agglomerato conta poco più di 300 abitanti, dislocati in circa 10 chilometri quadrati; è una piccola parte di quel che era il Marchesato dei Del Carretto di Zuccarello che si estendeva, secondo il Lodo di Antoniotto Adorni, documento datato 1386, fino agli attuali comuni di Calizzano e Bardineto, e comprendeva gli i comuni odierni di Balestrino, Castelvecchio di Rocca Barbena ed Erli oltre che Zuccarello, Castelbianco, Nasino, Alto, Arnasco, Vendone, Aquila d’Arroscia, Casanova Lerrone, Stellanello ed il borgo arroccato di Cervo. I confini del ‘libero comune’ inoltre raggiungevano la piana d’Albenga, comprendendo l’attuale zona in cui è dislocato l’aeroporto Panero di Villanova, buona parte dell’odierno comune di Cisano sul Neva, di Andora e di Garessio. Il territorio non aveva sbocchi sul litorale ma deteneva il diritto di passaggio, sui territori adiacenti appartenenti ad altre fazioni, per il transito gratuito di merci di vario genere, spezie e sale.

“Zuccarello è sempre stato un comune libero ed i suoi cittadini erano affrancati da qualsiasi vincolo nei confronti di nobili ed ecclesiastici – racconta Gardella – Il paese, in quanto autonomo ed autosufficiente, aveva un proprio organi tributario, proprie leggi ed un proprio tribunale, un ‘ospitale’, batteva conio ed aveva una propria moneta; il commercio, la pastorizia, l’agricoltura e l’artigianato erano fiorenti e rigogliosi. I cittadini liberi residenti nel territorio libero di Zuccarello erano orgogliosi, ‘ruvidi’ e, grazie alla conoscenza capillare della morfologia dell’area, sono stati capaci di tenere lontani aggressori ed invasori rimanendo nel tempo un comune autonomo. Fino a quando non è giunta una opportunità: la possibilità di avere un gruppo di armigeri, cavalieri e fanti, professionisti della guerra, pronti a difendere i confini del ‘libero comune’ consentendo quindi ai cittadini di Zuccarello di svolgere le proprie attività produttive ed artigianali. Per questo vennero stipulato nel 1281 gli ‘Statuti degli uomini’ in cui venne messo per la prima volta ‘nero su bianco’ il fatto che i cittadini appartenenti al territorio di Zuccarello erano liberi, affrancati, da qualsiasi vincolo nei confronti di chiunque. Nel medesimo documento i Clavesana, nobili del territorio in quel periodo storico, definirono i rapporti fra il casato ed i cittadini appartenenti al libero comune: i nobili, con i propri cavalieri, avrebbero garantito la sicurezza nei confronti di invasori e briganti ed i cittadini avrebbero, per questo motivo, pagato una imposta, una tassa”.

“Nei secoli successivi, quando i Del Carretto subentrarono ai Claversana nella supremazia del territorio, anch’essi rettificarono un trattato con il libero comune di Zuccarello in cui i cittadini continuavano a pagare un tributo, in questo caso al nuovo Signore, in cambio di protezione: nella sostanza, erano aggiornati solamente gli importi, tutto il resto rimaneva pressoché invariato. Questo equilibrio continuò fino al XVI° secolo quando nel 1588 Scipione Del Carretto venne accusato dell’omicidio di un proprietario terriero e per questo privato di proprietà e privilegi. Da quel momento, il libero comune venne impropriamente ed indebitamente soggiogato perdendo la propria storica autonomia. Da quel momento ogni richiesta di rettifica, effettuata dai cittadini di quel che ormai era ‘l’ex territorio libero’, venne cassata, rifiutata, ignorata dai tribunali che si sono succeduti fino ad ora: i nobili che hanno preso possesso del libero territorio di Zuccarello erano anche gli amministratori della giustizia ed era per tanto improbabile che venisse ripristinata l’autonomia. Non è stato quindi possibile rivolgersi a nessun organo ‘terzo’ fino ad ora: il popolo non aveva la possibilità di chiedere, tanto al regnante passato quanto all’attuale, ciò che gli era stato usurpato” conclude Gardella.

Più informazioni
leggi anche
marchesato zuccarello
La curiosità
Zuccarello sempre più indipendente, sistemato anche il cartello all’ingresso del paese
zuccarello
La curiosità
In consiglio l’indipendenza di Zuccarello, il sindaco: “Maggioranza estranea alla petizione”
zuccarello presepe
Alternativo
A Zuccarello allestito il Presepe della secessione in attesa delle risposte di Bruxelles

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.