IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Trenta litri di olio idraulico finiscono in mare a Vado, mobilitata Capitaneria e Transmare

La sostanza oleosa sarebbe fuoriuscita dal pontone del cantiere allestito per la realizzazione della piattaforma contenitori della Maersk

Vado Ligure. Capitaneria di Porto e Transmare mobilitati oggi per uno sversamento di olio idraulico che si è verificato nel porto di Vado Ligure. Second quanto accertato nel corso del sopralluogo della guardia costiera sarebbe finita in mare una trentina di litri di sostanza oleosa. Sarebbe fuoriuscita dal pontone del cantiere allestito per la realizzazione della piattaforma contenitori della Maersk.

Gli uomini della Capitaneria di porto, dopo aver ricevuta la segnalazione, hanno subito fatto scattare le procedure di emergenza così come previsto in questi casi. E’ stato chiesto l’intervento dei tecnici della Transmare. Quindi la perdita dell’olio idraulico è stata contenuta con delle panne assorbenti. Dopodiché è scattata la successiva bonifica dello specchio di mare interessato dall’inquinamento e l’allarme è rientrato. Saranno le successive indagini ad accertare se tutte le condizioni di sicurezza siano state o meno rispettate e soprattutto l’origine dello sversamento dell’olio in acqua.

All’inizio del mese una chiazza di gasolio misto ad olio era stata avvistata sulla spiaggia dei pescatori di Vado proprio dove il giorno prima Autorità portuale, Comune di Vado, Arpal e Cima avevano fatto un sopralluogo in seguito per verificare le condizioni delle acque di balneazione vicino ai cantieri della piattaforma. Era stata avvistata una chiazza ed era scattata una segnalazione alla Polizia municipale di Vado e alla guardia costiera. In quel caso la quantità di liquido finito in acqua era stato stimato intorno ai 300 litri e secondo le indagini di Capitaneria e Polizia municipale lo sversamento potrebbe essere arrivato alla spiaggia dei pescatori tramite il rio che si trova vicino ai cantieri. Anche in quel caso era scattato un accertamento per capire le cause che hanno originato la chiazza di gasolio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.