Raddoppio ferroviario San Lorenzo-Andora, prevista una maggiore frequenza dei treni - IVG.it
Tappa storica

Raddoppio ferroviario San Lorenzo-Andora, prevista una maggiore frequenza dei treni

Il Comitato utenti Trenitalia del Ponente ha annunciato che invierà una lettera in Regione nella quale sottolinea la sua preoccupazione

treni

AndoraMeno tre mesi all’apertura dello storico raddoppio tra San Lorenzo al Mare e Andora. La nuova linea, trasferita a monte rispetto al tracciato attuale, sarà inaugurata in concomitanza con il nuovo orario invernale che entrerà in vigore il prossimo 11 dicembre.

Ma non tutto filerà liscio. In vista degli interventi conclusivi per l’attivazione del raddoppio sono in programma interventi che prevedono l’interruzione del traffico ferroviario tra Diano Marina e Alassio nel periodo tra il 2 novembre e il 10 dicembre e tra Ventimiglia e Alassio tra il 28 novembre e il 10 dicembre. Contemporaneamente verranno effettuati i lavori di manutenzione straordinaria nella galleria di Capo Mele, e gli interventi di rifacimento del ponte su Rio Borghetto a Bordighera. E i rappresentanti del Comitato utenti Trenitalia del Ponente hanno annunciato che invieranno una lettera in Regione nella quale sottolineano la loro preoccupazione.

Ieri su questo tema si è tenuta in Regione una riunione a cui hanno partecipato Trenitalia, Rfi, Associazioni dei consumatori e dei pendolari insieme ai rappresentanti degli Enti locali. L’attivazione del raddoppio prevede delle novità sulla programmazione dell’offerta ferroviaria e precisamente: l’incremento dell’offerta sulla tratta Ventimiglia- Savona, connesse all’attivazione del raddoppio Andora- San Lorenzo, con un treno ogni ora, invece di uno ogni due e la riduzione dei tempi di percorrenza nella tratta del ponente ligure da un minimo di 9 minuti fino a 15 minuti. Nel corso dell’incontro la Regione ha previsto un sopralluogo operativo nella zona di Ventimiglia-Alassio, utile a definire al meglio i servizi sostitutivi nel periodo degli interventi infrastrutturali. Durante la riunione sono stati proposti miglioramenti per le coincidenze a Savona per la Val Bormida e il Basso Piemonte con una diminuzione delle attese e maggiori garanzie di proseguimento del viaggio.

Per quanto riguarda il levante ligure le principali novità riguardano la riduzione dei tempi di percorrenza tra Savona e Sestri Levante e tra Genova e La Spezia con tempi di percorrenza ridotti fino a 13 minuti. “Sta arrivando a conclusione il grande lavoro impostato dalla Regione Liguria per recepire le istanze del territorio – ha spiegato l’assessore regionale ai Trasporti, Gianni Berrino – Siamo soddisfatti che Trenitalia e RFI abbiano accolto le nostre richieste con l’obiettivo comune di elaborare un orario il più possibile condiviso e vicino alle esigenze dei viaggiatori e dei pendolari. Se sul Ponente abbiamo ottenuto una maggiore frequenza di treni, grazie all’attivazione del miglioramento infrastrutturale, sul levante ligure siamo riusciti a ottenere un miglioramento significativo dei tempi di percorrenza e di interscambio nella stazione di Sestri Levante”.

leggi anche
treni, pendolari
Il punto
Raddoppio ferroviario, per il Comitato utenti Trenitalia “ancora tanti i nodi da sciogliere”
Raddoppio ferroviario, prende forma la nuova stazione di Andora
Work in progress
Raddoppio ferroviario, Demichelis: “Gli andoresi hanno sopportato 12 anni di disagi, ora Ferrovie faccia la sua parte”
Trenitalia, consegnato alla Regione Liguria il nuovo Vivalto
Verso il raddoppio
Stop dei treni, 24 ore per studiare gli orari dei bus sostitutivi

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.